Martedì 15 Giugno 2010

Rifondazione contro la "cricca"
e accuse anche al centrosinistra

Anche Rifondazione comunista, per bocca del segretario provinciale Massimo Libera, interviene sugli arresti eseguiti oggi dalla guardia di finanza e nel denunciare "la cricca" finita sotto la lente dei magistrati non esita a puntare il dito anche contro il centrosinistra e le pratiche consociative che lo hanno portato, è il caso della Bassa Valle, ad appoggiare la Comunità montana retta da Silvano Passamonti. 
«La classe dirigente valtellinese uscita semi indenne dalla tangentopoli della Prima Repubblica, con gli arresti di oggi, si guadagna un proprio spazio nella "stagione delle cricche" - commenta Libera -. Qualunque sia l'esito di questa vicenda, che per tutti i valtellinesi segna una pagina nera, si auspica che sia  un duro monito anche per quel centrosinistra che nelle comunità montane, a partire da quella di Morbegno, ha abdicato ad ruolo di opposizione capace di utili e democratici  controlli per privilegiare miserevoli pratiche consociative».

l.begalli

© riproduzione riservata