Sabato 12 Giugno 2010

Una casa in Val di Togno
rasa al suolo da un masso

SPRIANA Una casa sventrata da un masso di enormi proporzioni staccatosi improvvisamente dalla montagna. Un danno che da una prima stima non risulta inferiore ai 150mila euro.
Solo uno dei quattro muri perimetrali della baita di Emilio Murada è «sopravvissuto» al distacco roccioso avvenuto nella prima mattinata di mercoledì in località Cà Brunai in val di Togno, sul territorio comunale di Spriana.
Erano da poco passate le nove quando, stando alla testimonianza di un passante, si è udito un boato e di seguito subito nell'area dell'alpeggio situato sulla sponda retica si è levato un gran polverone.
Solo il caso ha voluto che nessuno in quel momento fosse in baita. Fosse successo mezz'oretta più tardi, forse anche il proprietario di quella che era a tutti gli effetti una bella casetta di montagna, avrebbe potuto rischiare la vita.
Residente in via Grumello in località Trippi a Montagna Piano, Murada infatti quella mattina è salito in val di Togno. Arrivato davanti a casa non ha potuto che constatare il disastro. Alta la stima dei danni – si parla di almeno 150mila euro -, inagibile la baita, da ricostruire completamente dalle fondamenta al tetto.

l.begalli

© riproduzione riservata