Venerdì 04 Giugno 2010

Bormio, oggi l'addio
al discesista Luigi Colturi 

Si terranno oggi pomeriggio alle 14.30, con partenza dall'abitazione in via Monte Cristallo a Bormio, i funerali di Luigi Colturi (Rasiga), classe 1967, conosciuto a livello nazionale in quanto protagonista anche dei giochi olimpici invernali di Lillehammer. Discesista d'eccezione, amante del brivido e dell'adrenalina (come il fratello minore Franco, anch'egli sciatore azzurro),  ha esordito in coppa del mondo il 23 gennaio 1988 a Leukerbad in Svizzera.
Nel 1992, in val d'Isere, è salito sul podio nel supergigante ed ha preso parte, con i colori della nazionale italiana, ai giochi olimpici invernali di Lillehammer 1994 e ha concluso al ventunesimo posto nella discesa libera. Colturi si è spento l'altra sera, a soli 43 anni, gli ultimi dei quali ben lontani dai fasti e dalla celebrità dello sci. Era il 13 febbraio del 1994 ed il “Corriere della sera” intitolava: Luigi Colturi strappa il posto: "Per me una rivincita morale".
Da Lillehammer, infatti, il cronista parlava della qualificazione. E le regole erano queste: chi fra Colturi e Perathoner avrebbe fatto il miglior tempo nell' ultima sessione di prove sarebbe stato promosso. Purtroppo ho dovuto sfogare tutta la mia cattiveria proprio contro Werner…Non potevo tradire la mia prima Olimpiade. Ho reagito, ce l' ho fatta. Per me, in questo momento, e' stata una rivincita morale».
Ed in tanti, a Bormio e non solo, ricorderanno Luigi così, con quella determinazione che l'aveva portato alle Olimpiadi. Ad annunciare la sua prematura dipartita Mara con il figlio Luca e gli amici della scuola sci “Contea di Bormio”.

l.begalli

© riproduzione riservata