Martedì 01 Giugno 2010

Serie di blackout
per le raffiche di vento

È l'ondata di forte vento che ha investito la provincia per tutta la giornata di ieri - e che non dovrebbe cessare di far sentire i suoi effetti neanche oggi - la causa del blackout che attorno a mezzogiorno ha interessato le frazioni di Triangia, Sant'Anna e Mossini, oltre che alcune zone del centro cittadino.
Il problema è sorto per alcuni rami che, sospinti dalle raffiche, si sono abbattuti sui cavi dell'alta tensione nella zona di Mossini. L'intervento sul posto dei vigili del fuoco e dei tecnici ha permesso di ripristinare in breve tempo il normale funzionamento delle linee elettriche.
La corrente è tornata dopo un'oretta. Problemi anche per la ricezione del primo canale televisivo della Rai, anche in questo caso per un'ora e sempre per il vento. Altri blackout sono stati segnalati in serata. A causa di un guasto è saltata l'illuminazione pubblica della zona sud della città, nonostante i semafori abbiano continuato a funzionare regolarmente.
L'intervento più curioso dei vigili del fuoco però è delle 10 di ieri mattina, quando al palazzo della provincia è stata segnalata la presenza di un nido di vespe. Mentre i pompieri si adoperavano per risolvere il problema, gli agenti della polizia municipale si sono incaricati di deviare il traffico per evitare che il fenomeno potesse avere conseguenze pericolose sui passanti. Dopo mezz'ora l'intervento si era concluso nel migliore dei modi, con la rimozione del nido di insetti e il normale ripristino della viabilità. A molti l'episodio ha ricordato l'allarme api del centro di Milano, anche le operazioni di bonifica sono state seguite dai passanti in un clima di curiosità e divertimento più che di preoccupazione.

r.carugo

© riproduzione riservata