Martedì 01 Giugno 2010

Schiamazzi, litigi e paura:
piazza Marconi protesta

«Vergogna, piazza Marconi...incivile», firmato «i residenti». Che dopo l'ennesima notte insonne fra schiamazzi, urla, litigi e rumori di bottiglie lanciate contro i muri, non ce la fanno più. L'esasperazione serpeggia in cima via Garibaldi e in piazzetta Marconi. Nei negozi e davanti ai bar è tutto un bisbigliare, un lamentarsi, perché le notti, specialmente il venerdì e il sabato, sono diventate invivibili e da parte del Comune di Morbegno e delle forze dell'ordine «non vediamo ancora nessun atto concreto».
Settimana scorsa una delegazione di residenti è andata dal sindaco Alba Rapella per presentare le sue rimostranze. «Lo abbiamo detto tante volte, ormai la situazione è nota - dice una signora che risiede in via Garibaldi - io sono arrivata al punto che per dormire mi prendo un tranquillante, ma sto pensando seriamente di cambiare casa, perché qui non si resiste più. Purtroppo vediamo tanti ragazzini e ragazzine di 13, 14 anni, ma anche più giovani che si ubriacano e litigano tra di loro, si insultano. Una volta ho chiamato i carabinieri perché uno di loro aveva un coltello, fortunatamente una volante è arrivata nel giro di pochi secondi e la cosa è finita lì».
C'è chi ricorda l'episodio, gravissimo, di una quindicenne finita in coma etilico, avvenuto mesi fa, ma la situazione ormai pare essere fuori controllo nonostante i carabinieri garantiscano la presenza di una pattuglia tutti i sabato sera. «Non vogliamo dare la colpa di questa situazione ai baristi, ma c'è chi lavora meglio e chi peggio, chi addirittura ha lanciato una sfida al quartiere e questo non va bene, non è degno di una società che dovrebbe definirsi civile» dice una commerciante della zona, anche lei, come gli altri ormai, irritata da un andazzo che va avanti da mesi, se non da anni.
Gli abitanti, per come si sono messe le cose, adesso si aspettano una reazione, atti concreti per garantire la quiete pubblica nel centro storico. «So che i carabinieri sono intervenuti per una chiamata in piazzetta Fiume - puntualizza il sindaco Rapella - ma non ci sono stati segnalate, almeno questo fine settimana, situazioni critiche in piazza Marconi. Con questo non voglio negare che nella zona ci siano lamentele, anzi stiamo lavorando per cercare da una parte di concordare regole comuni con i commercianti sul fronte della somministrazione, ma anche della vendita di alcolici ai minorenni e sul divieto di portare fuori dai locali le bottiglie. Stiamo aspettando una risposta dell'Unione commercianti su questo progetto e stiamo anche cercando di offrire delle alternative ai giovani con iniziative come “La mezzanotte bianca” o i concerti all'aperto che garantiscano anche un certa presenza degli adulti nelle strade e nelle piazze».

l.begalli

© riproduzione riservata