Sabato 08 Maggio 2010

Multa a disabile
nel suo posteggio

Multato perché ha parcheggiato in uno spazio destinato ai disabili in direzione opposta rispetto al senso di marcia. Peccato che per l'automobilista in questione quello sia l'unico modo possibile per parcheggiare e uscire dalla vettura senza essere travolto dalle auto in transito lungo la via, considerato che ha notevoli problemi di deambulazione ed è costretto ad utilizzare una stampella per camminare.
Ha dell'incredibile quanto accaduto ieri mattina davanti all'Asl di Sondrio in via Nazario Sauro.
Vittima di un inflessibile vigile è Pier Giuseppe Paganoni, trentasettenne di Albosaggia. «Sono rimasto senza parole - commentava ieri mostrando la contravvenzione appena trovata sotto il tergicristalli della sua Daihatsu -. Lavoro all'Asl occupandomi di sistemi informativi dal 2008 e ho sempre parcheggiato nell'apposito spazio destinato ai disabili davanti ai nostri uffici. E' vero, metto la mia auto in senso contrario rispetto a quello di marcia, ovvero in direzione Milano invece che Tirano, ma non per la pigrizia di fare il giro fino in stazione e tornare poi indietro a parcheggiare. Semplicemente questo è l'unico modo possibile per aprire la portiera e scendere direttamente, aiutandomi con la stampella, sul marciapiede: se facessi diversamente dovrei stare con la portiera spalancata sulla strada e bloccherei il traffico per diversi minuti, rischiando peraltro di essere travolto».
Una spiegazione che non fa una piega. Il codice della strada prevede altro, ma la regola del buon senso che fine ha fatto?
«Non ho alcuna intenzione di pagare i 38 euro di questa multa - prosegue Paganoni -. E lunedì parcheggerò di nuovo nello stesso modo, visto che non posso fare diversamente. Già ogni mattina devo fare i conti con chi mette l'auto nei posti riservati ai disabili per andarsi a bere un caffè e mi obbliga a lunghi giri per cercare un posto auto libero. Che poi mi si venga anche a dire che devo rischiare la vita per uscire dall'auto mi pare davvero troppo...». 
Uno sfogo più che comprensibile il suo. E di certo è deciso ad andare fino in fondo alla questione. «Ho già telefonato alla Polizia Municipale di Sondrio - ci dice - ma mi hanno riferito che fino a lunedì il vigile che mi ha dato la multa non sarà in servizio e quindi non ho potuto parlargli e spiegargli le mie ragioni».
Ma se il verbale non verrà annullato non gli rimarrà che fare ricorso al giudice di pace, confidando che almeno in quella sede prevalga il buon senso.
Chi invece ha ben poche speranze di vedersi annullare la contravvenzione sono gli altri automobilisti - e a quanto pare sono diversi - che si sono ritrovati ieri mattina multati in via Sauro. Per tutti la stessa contestazione: violazione dell'articolo 157 del codice della strada, ovvero sosta contro il senso di marcia.
Poco importa se per lasciare l'auto in via Sauro hanno regolarmente pagato la sosta prendendo il ticket del parcometro. All'euro o poco più della sosta dovranno aggiungere i 38 euro della multa.

l.begalli

© riproduzione riservata