Martedì 06 Aprile 2010

Isolati a Montespluga:
infuriati cinquanta turisti

«Siamo isolati a Montespluga: riaprite la statale». Arriva dalla frazione di Madesimo situata sulla strada che porta verso il passo dello Spluga la richiesta d'aiuto formulata da alcune di decine di turisti bloccati in alta quota. I villeggianti, saliti nelle giornate di sabato e venerdì, hanno dovuto fare i conti con la chiusura della 36 dopo le nevicate della notte fra sabato e domenica. Ieri hanno atteso la riapertura che, purtroppo per loro, non è avvenuta. «Siamo una cinquantina di persone, tutti bloccati a Montespluga - dice Luciano Ballan, imprenditore di Olgiate Comasco, proprietario di una casa in paese -. Nella giornata di oggi (ieri, ndr) ci sarebbe stata la possibilità di riaprire la strada. Abbiamo aspettato novità positive che, purtroppo, non sono arrivate. Ora - ha spiegato ieri sera - siamo bloccati. Per la mattina di domani (oggi, ndr) avevo in programma l'apertura della mia azienda, invece venticinque persone non potranno tornare al lavoro per questa vicenda incredibile».
Da Montespluga sono partite diverse telefonate dirette al municipio di Madesimo, ma la risposta dell'amministrazione (che appena possibile interpelleremo sulla vicenda) non ha lasciato soddisfatti i turisti. «Con questa situazione si allontanano da Montespluga - aggiunge Paolo Colombo, imprenditore di Besana Brianza, titolare di un'impresa che a Bulciago dà lavoro a 15 persone -. E' un posto ideale per trascorrere le vacanze, per questa ragione abbiamo qui una casa, ma in queste condizioni si fa morire questa località».

l.begalli

© riproduzione riservata