Domenica 28 Marzo 2010

Canonizzazione del beato
Guanella: ora c'è una data

E' sempre più vicina la canonizzazione del beato Luigi Guanella. Nella giornata del 20 aprile, festa della Beata Chiara Bosatta, in Vaticano si terrà la congregazione ordinaria dei cardinali per discutere su alcune figure presentate dalla Congregazione delle Cause dei Santi in vista della canonizzazione. Nell'elenco c'è anche il beato don Luigi Guanella.
La sua causa arriva a questa tappa dopo i pareri favorevoli della Commissione medica e della Consulta dei Teologi, che hanno riconosciuto da un lato l'inspiegabilità scientifica e dall'altro l'intercessione del Beato di Fraciscio per la guarigione del giovane William Glisson di Springfield che il 15 marzo 2002, mentre pattinava, cadde al suolo riportando un gravissimo trauma cranico che non lasciava speranze. Al termine della riunione del 20 aprile, il prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi presenterà il risultato di tutto l'iter della causa al Papa, che la esaminerà in merito all'autorizzazione e in ordine alla promulgazione del decreto e della fissazione della data di canonizzazione.
E' fiducioso don Remigio Oprandi, Superiore Provinciale dei Servi della Carità su questa notizia. «Le nostre comunità guanelliane sono in trepidante attesa di questo importante pronunciamento. Ricordiamo che la canonizzazione significa la concessione del culto pubblico nella Chiesa Universale, e per noi sarebbe una grande gioia poter vedere il nostro fondatore indicato come modello di santità a tutto il mondo, evidenziando la sua assoluta e totale fiducia nella provvidenza divina e la sua carità sollecita verso i più poveri».
Anche il vescovo monsignor Diego Coletti si unisce alla trepidante attesa della Famiglia Guanelliana e auspica che «l'evento che tutti aspettiamo si traduca in un grande dono di conversione e di santità per tutta la nostra comunità cristiana, come segno rinnovato dell'offerta che il cristianesimo continuamente mette a disposizione del mondo intero in termini di carità e di servizio ai piccoli e ai poveri».

l.begalli

© riproduzione riservata