Lunedì 01 Febbraio 2010

E' ufficiale: la scuola primaria
di Somaggia chiude i battenti

La notizia in qualche modo era già nota da qualche mese, ma ora è ufficiale. Messa nero su bianco. La scuola primaria di Somaggia di Samolaco chiuderà i battenti a partire dal prossimo anno scolastico. I genitori dei ragazzi della frazione posta sulla sponda sinistra della valle hanno ricevuto nei giorni scorsi una comunicazione da parte del dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo di Novate Mezzola, Ornella Forza, inoltrata ovviamente anche alle famiglie che hanno già i figli nel plesso unico di Casenda, per avvisarli delle ultime novità.
«Vista la scelta dell’amministrazione comunale di Samolaco - si legge nella missiva - di accorpare il plesso di Somaggia a quello di Casenda a partire dall’anno scolastico 2010-2011, si ritiene opportuno organizzare un incontro durante il quale sarà illustrata la possibile organizzazione scolastica. Alla riunione che si terrà nella sede di Novate Mezzola, il giorno 3 febbraio alle 18, sono invitati i genitori degli alunni dei plessi di Somaggia e Casenda». Appuntamento, insomma, a mercoledì sera per vederci più chiaro anche se i giochi ormai sembrano fatti.
La notizia sta già creando parecchio allarme a Somaggia. Da questo punto di vista sembra di essere tornati al 2003-2004, quando il dibattito a Samolaco si accese, con toni molto pesanti, proprio attorno alla questione del plesso scolastico unico di Casenda. Avversato in modo deciso proprio da Somaggia, decisa ad evitare un lungo spostamento dei propri figli per raggiungere la scuola posta dall’altra parte della valle. Il durissimo scontro si spostò anche in campo elettorale. Alla fine Bianchi la spuntò e il progetto di campus unico venne ridotto, salvando di fatto le scuole di Somaggia. Tornata in pista alle ultime elezioni, però, il sindaco Ciapusci ha fatto subito capire le sue intenzioni. A fine anno, infatti, il programma delle opere pubbliche aveva indicato chiaramente l’impegno dell’amministrazione. Due milioni di euro di intervento per il plesso scolastico unico. Nel 2010 l’impegno economico sarà di 426mila euro. La spesa crescerà l’anno seguente con interventi per 750mila euro. Nel 2012 con una spesa di 802 mila euro.

l.begalli

© riproduzione riservata