Sabato 30 Gennaio 2010

Da Varenna a Bellano
ci sono voluti 65 minuti

Le forze non mancano, l’impegno neppure. Ma la chiusura della statale 36 sta mettendo a dura prova soprattutto i paesi del Lario lecchese. E la pazienza di chi è costretto a muoversi con mezzi propri.
Un dato per tutti. Ieri, per percorrere cinque chilometri esatti, si sono resi necessari ben 65 minuti. Quelli intercorsi dalle 14,30 alle 15,35. Cronometrare per credere. Partenza da Pino di Varenna e arrivo alla stazione ferroviaria di Bellano. Con la super aperta è un percorso da compiere in pochi minuti che in questi giorni si è trasformato in un calvario.
Davvero un supplizio, quello al quale sono costretti ormai da lunedì mattina migliaia di automobilisti ma anche camionisti. Nelle ore serali le cose vanno un pò meglio. Nel senso che partendo da Lecco alle 20, occorre un’oretta per raggiungere Colico.
Ma nelle ore centrali della giornata è un incubo. Il traffico pesante e leggero che si snoda lungo il vecchio tracciato panoramico è più che mai costretto a una convivenza forzata che mette a dura prova tutti quanti. Ieri in galleria a Varenna c’è scappato anche un piccolo tamponamento, eppure erano tutti fermi o quasi.
Appunto. Auto che devono fermarsi per fare passare i camion nei punti critici, e camionisti costretti a districarsi su una carreggiata e in gallerie - come quelle di Morcate - costruite in ben altri tempi.
Ecco spiegati i 65 minuti trascorsi a bordo dell’auto nella giornata di ieri. Tutti in prima e seconda, nelle migliori delle ipotesi.
Oggi non dovrebbe andare molto meglio. I camion potranno circolare e il loro "fermo" è previsto come per il resto dell’Italia, ovvero dalle 8 alle 20 di domani.
I punti critici rilevati nella giornata di ieri sono quelli noti a tutti coloro che preferiscono attraversare i paesi tra Colico e Abbadia piuttosto che scegliere la veloce super. Ieri, nonostante la mobilitazione schierata e l’impegno profuso (uomini della protezione civile alla strettoria di Fiumelatte di Varenna, e agenti della polstrada alle gallerie di Varenna e davanti al bar Roma a Bellano) ai quali deve essere aggiunta anche la collaborazione (e sopportazione) di chi è al volante, il risultato è stato piuttosto modesto

l.begalli

© riproduzione riservata