Sabato 23 Gennaio 2010

Stadio di Chiavenna:
spogliatoi nel degrado

Spogliatoi ormai fatiscenti. Sono passati oltre 25 anni dalla costruzione del nuovo stadio comunale nella zona compresa tra il quartiere Raschi e le Giavere del Liro, ma per la parte riguardante spogliatoi e magazzini siamo già all'allarme rosso.
Gli spogliatoi vengono utilizzati dai calciatori della Us Chiavennese e dai podisti del GP Valchiavenna sia per le gare sia per gli allenamenti settimanali. Praticamente la struttura è utilizzata in modo intensivo in tutti i giorni della settimana. Qualche volta con più di un turno. Tacchetti delle scarpe, docce, umidità. In cinque lustri di attività la struttura si è degradata parecchio: «Ho visitato gli spogliatoi solo poche settimane fa - commenta il sindaco Maurizio De Pedrini - e devo dire di aver trovato una situazione veramente al limite. Ritengo che un intervento radicale sugli spogliatoi non sia a lungo procrastinabile». E, infatti, un intervento è previsto nel piano delle opere pubbliche 2010-2012 approvato dall'amministrazione chiavennasca. Un intervento, non ancora progettato, che dovrebbe costare 150 mila euro. Almeno quella è la cifra preventivata perché sul come intervenire le idee non sono ancora chiarissime: «Non so se sarà necessario demolire gli spogliatoi e costruirli ex novo - continua De Pedrini - ma in ogni caso l'intervento dovrà essere decisamente radicale. Nel 2011 dovremmo essere in grado di reperire le risorse per questo intervento». Per questo, ma difficilmente per la realizzazione di una nuova palestra nel complesso. L'idea era contenuta nel programma elettorale della lista che sosteneva De Pedrini, ma per realizzarla ci vogliono troppi soldi per le possibilità attuali del bilancio: «Ci sarebbe piaciuto realizzare una sala ginnica da inserire nello stadio comunale, ma difficilmente saremo in grado di realizzare già l'anno prossimo entrambi gli interventi. La priorità sono gli spogliatoi. Per il resto faremo quello che le possibilità economiche ci consentiranno».

l.begalli

© riproduzione riservata