Lunedì 11 Gennaio 2010

Sertori e Molteni 
tra i primi in Lombardia

Due punti percentuali in meno per il presidente della Provincia Massimo Sertori, poco meno di un punto in più per il primo cittadino di Sondrio Alcide Molteni. Secondo presidente lombardo il primo, terzo sindaco della regione il secondo. Gli amministratori della Valtellina dunque continuano a piacere ai loro elettori che li collocano in posizioni di gradimento di tutto rispetto rispetto alla media nazionale. A dirlo sono i risultati del sondaggio Ipr pubblicati questa mattina da Il Sole-24 Ore e ottenuti sulla base di interviste telefoniche (800 per i presidenti di Provincia; 600 per i primi cittadini) effettuate nel periodo che va dal 10 settembre al 5 dicembre 2009 ad elettori disaggregati per sesso, età e residenza. I due amministratori valtellinesi rappresentano perfettamente il trend registrato complessivamente a livello nazionale con i presidenti di Provincia in lieve calo di gradimento - non tanto quanto i governatori delle regioni - rispetto ai sindaci che riescono a spuntare un aumento di consenso medio superiore agli amministratori di grado più elevato.
Massimo Sertori, eletto al primo turno nelle amministrative di giugno dello scorso anno con il 61% delle preferenze, a sette mesi dall’insediamento a palazzo Muzio si assesta su una percentuale del 59% che lo colloca al 14° posto assoluto nazionale e al secondo lombardo dietro a Como e a pari merito con Bergamo e Varese (tutte province amministrate, esattamente come quella di Sondrio, dal Carroccio).
Il sondaggio pubblicato da Il Sole-24 Ore assegna invece al "dutur" una percentuale di consenso del 55%, quando le urne gli consegnarono un 54,2%. Quasi un punto percentuale in più che lo colloca al 42° posto nazionale insieme a Milano e Roma - la classifica è guidata da Flavio Tosi di Verona, Sergio Chiamparino di Torino Giuseppe Scopelliti di Reggio Calabria e Peppino Vallone di Crotone tutti al 70% - e al terzo posto sul suolo lombardo dietro a Varese (57,5%) e Mantova (56%).

m.bortolotti

© riproduzione riservata