Lunedì 04 Gennaio 2010

Obbligazioni Creval:
adesione al 99,3%

Si è conclusa l’offerta in opzione delle obbligazioni convertibili del Credito Valtellinese con abbinati warrant 2010 e warrant 2014: nel corso dell’offerta sono stati esercitati diritti di opzione per la sottoscrizione del 99,3% delle obbligazioni offerte, per un controvalore complessivo di 620,2 milioni di euro. Lo ha comunicato l’istituto di credito sondriese in una nota diffusa oggi, nella quale si sottolinea la soddisfazione per l’altissima adesione ricevuta.
I diritti di opzione non esercitati, ai quali corrispondono obbligazioni per un controvalore di 4,36 milioni di euro, saranno offerti in Borsa. Mediobanca, che assiste il Credito Valtellinese, si è impegnata a sottoscrivere l’eventuale inoptato.
Ma entriamo più nel dettaglio dell’operazione conclusasi da pochi giorni. Durante il periodo di offerta in opzione, iniziato il 30 novembre e terminato il 29 dicembre, sono stati esercitati 206.737.950 diritti di opzione per la sottoscrizione di 8.269.518 obbligazioni convertibili, pari al 99,3% delle obbligazioni convertibili offerte, per un controvalore complessivo, come detto, pari a 620.213.850 euro.
A ciascuna obbligazione convertibile in azioni ordinarie del Credito Valtellinese sono abbinati 4 warrant 2010 e 5 warrant 2014 e, pertanto, sono stati complessivamente assegnati 33.078.072 warrant 2010 e 41.347.590 warrant 2014.
«Su indicazione di Borsa Italiana spa - precisa l’istituto di piazzetta Quadrivio nel comunicato stampa che riassume i termini dell’operazione -, si comunica che, a far data dal 7 gennaio 2010, le obbligazioni convertibili e i warrant - ammessi a quotazione con provvedimento n. 6509 del 23 novembre 2009 - saranno negoziati sul Mercato telematico azionario organizzato e gestito dalla stessa Borsa Italiana».

l.begalli

© riproduzione riservata