Lunedì 04 Gennaio 2010

A Madesimo impossibile
trovare un parcheggio

Tutto esaurito, compresi i parcheggi: il Comune promette di intervenire entro la fine del 2010. Nei giorni scorsi, sono stati moltissimi i turisti saliti in Valle Spluga per sciare sulla neve di Madesimo e Campodolcino. I numeri sono stati quelli dei periodi migliori, anche grazie all’innevamento ottimale del comprensorio sciistico. La presenza di moltissimi visitatori, però, ha fatto emergere una vera e propria emergenza. E’ stato praticamente impossibile trovare un parcheggio, soprattutto a Madesimo.
Nella località sciistica d’alta quota, non sono bastati gli spazi situati ai bordi delle strade. Molti turisti hanno girato a lungo prima di trovare un posto libero o di ritornare a valle e decidere di puntare su un’altra soluzione. Alla fine di Campodolcino, un cartello invitava i turisti a non salire con la macchina.
«Sarebbe stato inutile farli continuare senza avere la possibilità di offrire uno spazio per la sosta – spiega il sindaco di Madesimo Franco Masanti -. E’ la prima volta che ci si trova di fronte a un problema di questa portata. Siamo consapevoli della necessità di intervenire in tempi brevi. Cercheremo di agire con rapidità per avere un progetto entro la fine dell’anno. Il nostro obiettivo è quello di riprendere il programma della giunta Barri, puntando su una struttura situata all’ingresso del paese. L’idea è quella di realizzare un’area con un parcheggio, una discoteca e una sala giochi, in modo da andare incontro a diverse esigenze. Non possiamo puntare su un turismo rispettoso dell’ambiente e avere migliaia di macchine che intasano il paese».
Secondo Masanti questo intervento va promosso «senza dimenticare che soggetti privati sono decisi a promuovere la costruzione di altri spazi per la sosta in paese».
In una situazione delicata c’è comunque una buona notizia. Già in occasione del ponte di Sant’Ambrogio, l’amministrazione comunale aveva fatto sapere di non volere essere particolarmente severa nei confronti degli automobilisti in caso di sosta al di fuori dagli spazi predefiniti. L’importante è evitare di creare problemi alla circolazione. A Campodolcino per farsi un’idea dell’afflusso di sciatori è bastato osservare la situazione dei parcheggi nei pressi della stazione del trenino per Motta. Tutti gli spazi principali erano occupati e diverse macchine erano state parcheggiate anche lungo la Provinciale per Isola, senza comunque provocare disagi. 

l.begalli

© riproduzione riservata