Venerdì 01 Gennaio 2010

Bretella aperta: in Valmasino
si transita di nuovo in auto

La bretellina in Valmasino è già pronta. Ieri il primo giro sul nuovo tracciato, che bypassa la strada coinvolta dell’ennesima frana, lo ha compiuto sul suo fuoristrada l’assessore provinciale Costantino Tornadù. Realizzata a tempo di record dai volontari della protezione civile coordinati dall’assessore Giuliano Pradella, la nuova strada percorribile da tutte le auto è corredata anche di due ponti sul Cavrucco e sul Masino, che già nei prossimi giorni verranno sostituiti dal Genio militare con due strutture componibili chiamate ponti Bailey, per garantire ulteriore sicurezza al transito dei mezzi. Grazie alla pista, chi era rimasto bloccato in Valmasino dopo il 26 dicembre ha potuto tornare a casa con la propria automobile. I villeggianti, richiamati in città dagli impegni lavorativi in piena emergenza, sono stati costretti a lasciare la propria vettura sul posto. Da oggi i collegamenti viari sono stati ripristinati e chi ha potuto è già tornato in Valtellina per ritirare il proprio mezzo. "Dal 4 dicembre ad oggi sono stati impegnati circa 300 volontari - ha riferito Cesare Mitta, funzionario del servizio di protezione civile di palazzo Muzio  - con turni di quattro persone alla volta, 24 ore su 24". Un lavoro titanico per riportare un po' di normalità dopo il disastro.

a.polloni

© riproduzione riservata