Giovedì 19 Novembre 2009

Sernio sta progettando
un ostello della gioventù

Venticinque posti letto ricavati nella ex casa parrocchiale, gestiti per cinque anni da una cooperativa no profit. Costo dell'operazione 1 milione di euro circa. Questo in sintesi il progetto di ostello per i giovani che il Comune di Sernio ha deciso di sottoporre al vaglio della Regione Lombardia, nella speranza di ricevere fondi per almeno la metà della spesa prevista. La giunta Contessa è molto motivata. "La casa parrocchiale è ormai vuota e la speranza di riavere un parroco è remota - spiega il primo cittadino -. Così abbiamo colto al volo l'opportunità offerta dal bando regionale inerente proprio la creazione di ostelli della gioventù. Se riusciremo a farci accogliere la richiesta potremo acquisire l'edificio e realizzarvi sei mini appartamenti per un totale di 25 posti letto". Se la Regione stanzierà 500mila euro, i restanti soldi saranno messi in parte direttamente dal Comune, in parte dalla Comunità montana di Tirano, che caldeggia il progetto, reperendo risorse anche dalla legge sulla montagna. Insomma, laddove Tirano, con il progetto similare da realizzare nel palazzo della fondazione Camagni, non ha centrato l'obiettivo, Sernio pare abbia buone possibilità di riuscire. Non fosse altro perché attorno al progetto di ostello si è raccolto il consenso degli altri enti locali del Tiranese, cosa che permette a Sernio di contare su un punteggio più alto nella graduatoria regionale.

a.polloni

© riproduzione riservata