Sabato 07 Novembre 2009

Inflluenza A: sono
1013 i vaccinati

A ieri erano 1013 i soggetti già vaccinati contro l’influenza A, la cosiddetta suina, in provincia di Sondrio. «Non abbiamo, al momento, i dati scorporati per fasce d’età - dice la dottoressa Giuseppina Ardemagni, direttore sanitario dell’Asl di Sondrio - e il dato complessivo fornito comprende anche le vaccinazioni effettuate sui medici di base. In ogni caso, in cinque giorni, abbiamo vaccinato 329 persone nel distretto di Sondrio, 295 in quello di Morbegno, 139 a Chiavenna, 128 a Bormio e 122 a Tirano. E questa mattina, peraltro, dalle 9 alle 12, con un’eccezione al calendario delle vaccinazioni inizialmente redatto, abbiamo previsto la possibilità di somministrare il vaccino in tutti e cinque i distretti della nostra provincia».
In questo modo, soggetti che durante la settimana non possono recarsi al distretto per effettuare la vaccinazione, magari per ragioni lavorative, lo potranno fare oggi in un giorno non lavorativo nel senso canonico del termine.
«Non ci sono, peraltro, stati segnalati casi di particolari disagi con riguardo alla somministrazione della vaccinazione - spiega il direttore sanitario Asl - e neppure i nostri centralini possono dirsi subissati di telefonate sul tema della vaccinazione. Quanto alla diffusione pandemica, sebbene dati più precisi potremo averli sono lunedì prossimo, possiamo da subito dire che non vi sono stati, ad oggi, particolari problemi, nè ricoveri di persone affette da influenza A».
Inanto non si può dire che fra il personale medico e paramedico in servizio sia negli ambulatori sia negli ospedali della nostra provincia vi sia la corsa alla vaccinazione. Non si tratta di una novità, invero, in quanto, per quanto potuto apprendere, storicamente i camici bianchi non sono particolarmente attratti da questo tipo di iniziative di carattere preventivo.
«Anche se, a dire il vero, il dato provinciale relativo alla vaccinazione contro la "A" è fors’anche leggermente superiore a quello nazionale - afferma Gian Piero Della Patrona, responsabile del servizio di Igiene Pubblica dell’Asl di Sondrio - almeno con riguardo ai medici di base. A oggi, infatti, oltre il 33% dei medesimi risulta essersi sottoposto alla vaccinazione contro l’influenza A (contro una media regionale, però, del 40%, ndr) su un totale di 130 medici di base operativi sul territorio di Valtellina e Valchiavenna. Non ci è noto, invece, il dato relativo al grado di adesione dei medici ospedalieri e di quelli in servizio presso le case di riposo perchè, in questi casi, forniamo il vaccino, ma che viene poi somministrato direttamente in quelle sedi».

l.begalli

© riproduzione riservata