Spaccio nei boschi: sei arresti
Dopo il blitz di qualche settimana fa nel Morbegnese, sulla strada per Sacco, altra operazione antidroga ad Andalo e Mantello

Spaccio nei boschi: sei arresti

Fermati dalla polizia giovani originari del Marocco - Contestate centinaia di cessioni di cocaina ed eroina a 130 acquirenti a Mantello e Andalo Valtellino

Dopo gli arresti delle scorse settimane nel Morbegnese, altra operazione antidroga della Questura di Sondrio e altri arresti. Sei giovani di origine marocchina - tutti di età che si presume compresa tra i 20 e i 25 anni (risultano irregolari sul territorio nazionale e privi di documenti) - sono stati fermati dalla Squadra Mobile della Questura di Sondrio nell’ambito di un’indagine per spaccio di eroina e cocaina nei boschi di Mantello e Andalo Valtellino. Khalid Haouaz, Khalifa Bouraya e Abdemalek Albedour sono stati arrestati lo scorso 7 marzo ad Andalo, dove dall’inizio di febbraio i tre avevano avviato una fiorente attività di spaccio e rifornivano regolarmente di droga almeno 20 acquirenti. Le manette per gli altri tre presunti spacciatori sono invece scattate il 15 marzo, quando durante un controllo della polizia nel bosco di Mantello i tre marocchini (Abdilah El Hamdani, Abdelghani El Jabiri e Hassan Moujib) hanno cercato di scappare ferendo tre agenti: l’arresto è scattato per resistenza a pubblico ufficiale, ma a tutti e tre verrà contestata anche l’attività di spaccio. In base all’attività d’indagine delle ultime settimane risulta infatti che nel bosco di Mantello i tre rifornissero di droga circa 130 acquirenti (tutti maggiorenni). Centinaia le cessioni di stupefacenti contestate agli indagati. Questa mattina si è tenuta l’udienza di convalida degli arresti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA