“Imprese Sondrio”: l’economia del territorio e le sue tante eccellenze

In edicola a partire da sabato 28 dicembre il magazine annuale de La Provincia: 132 pagine di focus. Storie di aziende, dati e analisi della situazione locale

L’innovazione oltre le macchine. È il filo conduttore delle 132 pagine della rivista bilingue – in italiano e inglese - “Imprese Sondrio”, che sarà in edicola dal 28 dicembre insieme al quotidiano “La Provincia di Sondrio”. Al centro dell’attenzione della “rivista dell’economia sondriese” ci sono l’analisi dell’andamento economico della provincia con i dati della Camera di commercio di Sondrio presentati dal segretario Marco Bonat e i primi segnali di frenata, l’approfondimento dell’economista Luciano Canova sul macigno del debito pubblico italiano e l’innovazione sempre più indispensabile nel Paese e la grande risorsa rappresentata dall’agroalimentare nel racconto del coordinatore del Multiconsorzio Marco Chiapparini.
Lo scenario definito dall’ente camerale non è dei migliori. «I risultati delle nostre indagini settoriali trimestrali delineano un quadro congiunturale complessivamente positivo, ma mostrano anche qualche segnale di incertezza in alcuni settori – spiega Bonat -. Del resto questo sentimento permea anche il quadro economico internazionale, che è ancora esposto a rischi di revisione al ribasso».
Secondo le associazioni delle imprese serve una svolta. «In Italia mancano scelte chiare e un progetto con degli obiettivi ben definiti da raggiungere - sottolinea il rappresentante di Api Sondrio Piero Dell’Oca -. Questo determina incertezza. Come se non bastasse ci sono varie realtà – Mose, Ilva e Alitalia – e provvedimenti – come il reddito di cittadinanza e quota 100 – che hanno tolto energia agli investimenti e alla riduzione del cuneo fiscale».
Anche Confindustria Lecco e Sondrio ha le idee chiare. «Penso che sia necessario guardare alla nostra attuale situazione con realismo e spirito pragmatico: siamo su una china pericolosa e i dati di andamento dell’economia confermano l’urgenza di provvedimenti che dimostrino l’intenzione di puntare sul rilancio del Paese, attraverso il rilancio del sistema delle imprese – spiega il presidente Lorenzo Riva -. Ad oggi non è quello che sta avvenendo».
L’innovazione coinvolge molte imprese, come raccontano titolari e dirigenti di varie aziende che anche quest’anno sono state in grado di portare il nome della Valtellina nel mondo. Basti pensare, per citare tre storie raccontate nella pubblicazione, al successo della Tessuti di Sondrio, oppure alla costante innovazione della Baker Huges-Nuovo Pignone di Talamona e alla crescita del salumificio Rigamonti.
Ma la situazione generale del Paese non è confortante.
«Si difendono le procedure esistenti, non si aggredisce la burocrazia, non si accolgono gli investimenti per l’innovazione - sottolinea l’economista sondriese Luciano Canova -. Non mi considero pessimista, ma realista, e lo scenario è molto negativo». “Imprese Sondrio” sarà in vendita a richiesta a 2,70 euro oltre al prezzo del quotidiano


© RIPRODUZIONE RISERVATA