Donazione di organi e tessuti  In Valle primato dei consensi
Maurizio Leali, presidente dell’Aido provinciale che conta 8.600 iscritti

Donazione di organi e tessuti

In Valle primato dei consensi

La provincia vanta in Lombardia la percentuale più alta: l’85,3%. Leali, presidente provinciale Aido: «Sono passi avanti, è una scelta delicata»

Giornata del donatore, disponibilità alle donazioni, Valtellina provincia al top in Lombardia per le dichiarazioni favorevoli al momento del rinnovo delle carte di identità.
Primato significativo per la provincia di Sondrio reso noto da Anci Lombardia, l’associazione nazionale dei comuni italiani.
In occasione della Giornata nazionale della donazione e trapianto di organi e tessuti 2019, l’Anci regionale, che coordina oltre 1400 comuni ha diffuso i numeri rilevati, di quanti abbiano espresso «dichiarazioni di volontà per la donazione».
I dati provengono dalla campagna «Una scelta in Comune», che a partire dal 2014 ha registrato queste particolari dichiarazioni di volontà dei cittadini. Sono 1.025.473 complessivamente le dichiarazioni rivolte alla donazione di organi e tessuti firmate ad oggi in Lombardia. Di queste, 614.083 sono state rilasciate direttamente presso i comuni. In riferimento alla scelta espressa, valgono 75,2% in regione i consensi, pari a 461.961 disponibilità sottoscritte, e 152.122 le opposizioni, 24,8%. Altre 411.390 dichiarazioni sono state consegnate presso l’Aido, l’Associazione italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule. E a queste si aggiungono le 20.343 rilasciate nelle Asl del territorio.
Per quanto riguarda la scelta in questione che si poteva esprimere nei municipi al momento del rinnovo delle carte di identità, ha reso possibile questa procedura l’88,9% dei comuni, esattamente 1.342 municipalità su 1.509, per 9,5 milioni di residenti coinvolti, con una copertura del 97% della popolazione.
La provincia lombarda più virtuosa è Milano, che tra dichiarazioni di volontà firmate nei 128 comuni attivi e all’Aido ha contato oltre 310mila registrazioni. La provincia di Sondrio è quella in cui si è rilevata tra le dichiarazioni la percentuale più alta di consensi favorevoli a donare, l’85,3%.
Un successo per Aido Sondrio, vivacissimo sodalizio che fa per la generosità concreta una campagna continua, «I dati che ci vedono come provincia con la più alta percentuale di consensi favorevoli a donare organi, tessuti e cellule – ha spiegato il presidente Aido provinciale Maurizio Leali– li considero un passo avanti. La sensibilità sul tema sta aumentando, ma si tratta di un argomento e di una scelta delicata, per questo, per spiegare le nostre motivazioni bisogna insistere molto con la popolazione. Noi come iscritti siamo arrivati alla fine del 2018 con oltre 8.600 potenziali donatori. Abbiamo in provincia, 11 sedi locali, che da poco sono diventate 12. Si è infatti costituito il 12° gruppo comunale Aido a Grosio, per Grosio, Grosotto, Sondalo, 12 gruppi più la sezione provinciale. Cresciamo, da che sono presidente, cioè dal 2015 di circa 500 adesioni all’anno e il potenziamento in corso dei gruppi locali ci consentirà di essere ancora più incisivi sul territorio».


© RIPRODUZIONE RISERVATA