Studenti come manager. Bormio vince la sfida, Itis e Donegani sul podio

Un quartetto vincente quello composto dai ragazzi dell’istituto Alberti di Bormio, che nei giorni scorsi a Morbegno si è imposto nella finale interprovinciale del “Management Game 2018”.

Studenti come manager. Bormio vince la sfida, Itis e Donegani sul podio
Alcuni dei protagonisti della finale interprovinciale del “Management Game” svoltasi a Morbegno

Complimenti a Riccardo Sosio, Erika Bonati, Serena Trabucchi e Nicolò Lanfranchi, oggi studenti, ma potenziali manager di domani. Un quartetto vincente quello composto dai ragazzi dell’istituto Alberti di Bormio, che nei giorni scorsi a Morbegno si è imposto nella finale interprovinciale del “Management Game 2018”, che ha coinvolto sette scuole superiori di Lecco e Sondrio. Un risultato eccellente, che traghetta i quattro studenti alla finale prevista a maggio contro altri “colleghi” della Lombardia.

Ma qual’era il task chiesto agli alunni? La risposta è semplice: indossare le vesti da manager, replicando la gestione di un’impresa, che commercializza i propri prodotti su più mercati, sperimentando un primo approccio con il mondo delle aziende.

Questo è l’obiettivo della competizione rivolta agli studenti delle classi quarte delle scuole superiori, declinata sul territorio dai Giovani Imprenditori di Confindustria Lecco e Sondrio, promossa dal comitato regionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria Lombardia.

Alle spalle dei “bormini” si sono piazzati l’Itis Mattei e il liceo scientifico Donegani di Sondrio, che si sono aggiudicati il secondo e terzo posto.

«Vediamo sempre molto entusiasmo degli studenti che partecipano a questa iniziativa sfidandosi con i loro coetanei - sottolinea il presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Lecco e Sondrio, Giacomo Riva -. Assistere ai momenti di gara dove i giovani sfoderano energie e capacità è grande motivo di soddisfazione, che si aggiunge a quella di aver dato un nostro contributo al consolidamento del rapporto fra scuola e mondo del lavoro». Con un auspicio: «Speriamo che per gli studenti il “Management Game” sia stato un momento di crescita - rimarca Riva -, un’occasione per fare squadra con i propri compagni e soprattutto per godere di un primo scorcio sul mondo produttivo».

Nel vero senso della parola un’impresa non da poco quella messa a segno da Sosio, Bonati, Trabucchi e Lanfranchi, che acquista ancor maggior significato se si considera che alla fase interprovinciale sono state settantasei le squadre partecipanti per le province di Lecco e Sondrio, in rappresentanza di sette istituti superiori: a Lecco il Parini e l’istituto Maria Ausiliatrice, oltre al Vigan di Merate, mentre per la nostra provincia il Mattei, il Donegani, l’Alberti e il liceo Nervi-Ferrari di Morbegno.

Al primo classificato come premio è andato un buono spesa da 500 euro da utilizzare per l’acquisto di materiale scolastico, messo a disposizione dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Lecco e Sondrio, che non ha mancato però di premiare anche le altre squadre finaliste con una targa in ricordo della loro partecipazione al “Management Game”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA