Lista GoCredito: «Spiller alla carica di presidente. Ecco il piano strategico»
Gabriele Spiller, il secondo da destra, il capolista Flavio Ferrari ha in mano il microfono

Lista GoCredito: «Spiller alla carica di presidente. Ecco il piano strategico»

Incontro milanese con stampa e sindacati per presentare la quadra in vista dell’assemblea del Creval.

Presentazione milanese alla stampa e alle organizzazioni sindacali per gli esponenti di GoCredito, in lista come consiglieri e sindaci, in vista del rinnovo delle cariche del Credito Valtellinese che avverrà sabato 23 aprile in occasione dell’assemblea dei soci. Il capolista Flavio Ferrari, imprenditore brianzolo di origini valtellinesi, ha sottolineato l’indipendenza dei candidati: «Presentiamo quindici candidati tutti indipendenti e lo stesso vale anche per i soci che hanno presentato la lista, cioè non hanno esposizioni con la banca, non hanno rapporti di parentela da preservare e nessun altro rapporto in essere che possa mettere in discussione la loto autonomia di giudizio nella gestione dell’istituto».

Ferrari ha annunciato che in caso di vittoria della lista GoCredito la carica di presidente sarà ricoperta da Gabriele Spiller, 48 anni, fiduciario di aperta SA di Lugano e già responsabile del Servizio partecipazioni del Creval, e quella di vicepresidente da Francesco Naccarato, 49 anni, commercialista, revisore contabile, docente universitario e consigliere d’amministrazione uscente del Creval. Luca Valdameri, candidato al collegio sindacale e sindaco effettivo uscente, ha stigmatizzato la presenza di una terza lista, «cosa anomala - si legge nel comunicato diffuso ieri - soprattutto analizzandone la composizione che la vede guidata dall’attuale presidente del collegio sindacale espresso dall’attuale dirigenza». «È una lista - ha spiegato Valdameri - che sembra avere lo scopo di depistare i voti da GoCredito». E vista la fase delicata che si apre, «diversi soci hanno già manifestato le loro perplessità e non è escluso che qualcuno di essi arrivi a richiedere l’intervento della Consob attraverso un esposto formale prima del 23 aprile», continua la nota stampa.

Naccarato ha poi presentato le linee guida del piano strategico di GoCredito, finalizzato al significativo sviluppo della redditività operativa della banca, al netto degli accantonamenti sui crediti deteriorati. Le linee guida si possono sintetizzare secondo cinque direttrici: centralità della cultura del cliente; valorizzazione delle risorse umane; valorizzazione delle società del gruppo; gestione del portafoglio dei crediti deteriorati; crescita della produttività. La valorizzazione delle risorse umane è un punto nodale del piano. «Si intendono liberare le risorse professionali, motivazionali, qualitative oggi presenti nella banca - aggiunge il comunicato -. E dunque si ritiene necessaria la modernizzazione degli strumenti di gestione e sviluppo delle risorse, l’aumento delle deleghe e dei dimensionamenti delle strutture produttive di ricavi, l’aggiornamento delle modalità di relazione con le rappresentative sindacali, la valorizzazione delle componente femminile, l’introduzione di politiche di welfare aziendale». Per accrescere il valore delle società del gruppo «si vogliono da un lato ridurre le anacronistiche strutture di governance, fonti di privilegi e meccanismi superati di gestione del potere e dall’altro spingere i diversi marchi ad ampliare la propria presa sul mercato»


© RIPRODUZIONE RISERVATA