Levissima diventa traino del mercato
Il marchio Levissima ha fatto registrare un incremento notevole nelle vendite dello scorso anno (Foto by archivio)

Levissima diventa traino del mercato

Il gruppo Sanpellegrino ha chiuso il 2017 con un giro d’affari di 895 milioni di euro e 3,7 miliardi di bottiglie. Il prodotto realizzato a Cepina ha fatto registrare un aumento del 7% nelle vendite e si prepara a sbarcare in Cina.

Levissima sempre più in alto, un marchio cresciuto lo scorso anno del 7% a volume rispetto all’anno precedente. Più che positivi i risultati raggiunti dal gruppo Sanpellegrino, azienda leader del beverage in Italia che ha chiuso il 2017 con un giro d’affari di 895 milioni di euro e 3,7 miliardi di bottiglie prodotte. L’export, con quasi 1.600 milioni di bottiglie vendute nel mondo, rappresenta il 54% del fatturato complessivo del gruppo. Ottime le performance delle acque minerali San Pellegrino (+5,2%) e Acqua Panna (+7%). L’azienda ha registrato un fatturato di 410 milioni di euro sul mercato domestico, trainato dalla crescita di Levissima (+7%).

È proprio lo stabilimento di Cepina in Valdisotto a “spingere” sui mercati nazionali e internazionali, un trend in linea con l’ingente investimento annunciato lo scorso autunno da Levissima per complessivi trenta milioni di euro per il restyling dello stabilimento che ha fatto la storia dell’Alta Valle.

«Siamo soddisfatti dei risultati raggiunti nel 2017, trainati dal segmento delle acque minerali cresciuto anche grazie a un’estate particolarmente calda - ha dichiarato Federico Sarzi Braga, presidente e amministratore delegato del gruppo Sanpellegrino –. Questi numeri dimostrano che i consumatori, italiani e stranieri, scelgono sempre più spesso un’idratazione di qualità».

«Per continuare a mantenere una posizione di leadership in un mercato sempre più competitivo, nonché a bassa redditività, Sanpellegrino ha sviluppato piani per lavorare con strutture sempre più efficienti e realizzare prodotti innovativi capaci di intercettare nuovi trend in crescita e ad alto valore aggiunto, per garantire sostenibilità al business e rispondere alle richieste di consumatori sempre più attenti a uno stile di vita sano».

Da sottolineare che oltre al restyling dello stabilimento di Cepina, quest’anno partiranno anche i lavori per la realizzazione della Flagship Factory di San Pellegrino Terme, la nuova casa dell’acqua minerale San Pellegrino, progettata dallo studio Big, guidato dal famoso architetto danese Bjarke Ingels, per sostenere il business del gruppo nei prossimi anni e valorizzare il territorio attraendo turisti da tutto il mondo.

Oltre a tutto questo, da rilevare l’avvicinamento di Levissima alla Cina. Entro fine anno, infatti, l’acqua che sgorga dal cuore del parco nazionale dello Stelvio potrà rappresentare un riferimento per il mercato cinese. I numerosi scandali legati alla contaminazione delle acque di quella terra hanno indotto la popolazione ad aumentare il consumo in bottiglia. Pechino e Shangai dovrebbero essere le prime città da conquistare entro la fine dell’anno e l’inizio del 2019.

Quello dell’acqua e di Nestlè Waters non sembra essere l’unico mercato in espansione. In un periodo nel quale uno stile di vita salutare sta prendendo quota, sembra che siano destinate a scomparire le attuali e tradizionali bibite unitamente al loro contenuto di zucchero. A prendere sempre più piede saranno infatti energy drink e bibite a ridotto contenuto di zucchero, tendenza confermata da un’indagine di mercato che ha stimato – dal 2011 al 2021 – un aumento del 38% di acqua, tè, energy drinks e bibite non alcooliche.


© RIPRODUZIONE RISERVATA