Iperal e gli allevatori di montagna. Patto di sostegno alla filiera in crisi

L’accordo L’azienda della grande distribuzione con le Latterie sociali di Delebio e Chiuro. Maggiori ristorni ai produttori che devono fronteggiare un vertiginoso aumento dei costi

Iperal e gli allevatori di montagna. Patto di sostegno alla filiera in crisi
Una linea produttiva della Latteria Sociale di Delebio

Filiera, territorio, tradizione, piccole imprese. Sono le parole chiave su cui è stato impostato l’accordo tra Iperal Supermercati Latteria Sociale Valtellina di Delebio e Latteria Sociale di Chiuro, al fine di garantire maggiori ristorni economici agli allevatori.

L'intesa ha come focus primario la Valtellina ma riguarda da vicino anche numerosi allevatori lariani dell’Alto Lago e del Triangolo Lariano che conferiscono il proprio latte in particolare negli impianti di trasformazione della Latteria Sociale di Delebio.

I contenuti

L’accordo arriva in una fase non semplice, l’aumento dei costi di produzione rischia di determinare ricadute pesanti sulla stessa attività di tante piccole imprese. L’intesa con l’azienda della grande distribuzione garantirà maggiori ristorni agli allevatori.

«Da sempre nostri fornitori locali, Latteria di Delebio e Latteria di Chiuro rappresentano due partner consolidati e affidabili per la qualità dei loro prodotti lattiero caseari» afferma Antonio Tirelli, presidente del Gruppo valtellinese della grande distribuzione. «L’attuale difficile situazione economica, come bene sappiamo, rischia di mettere in ginocchio in modo irreversibile tante piccole aziende agricole della provincia, a causa dei costi alimentari ed energetici ormai fuori controllo. L’accordo che abbiamo sottoscritto con le due latterie permetterà nell’immediato di garantire maggiori ristorni agli allevatori locali, nella speranza di dare loro un concreto aiuto economico».

Gli fa eco Franco Marantelli Colombin, imprenditore agricolo e presidente della Latteria di Chiuro: «In un momento tanto difficile per il mondo zootecnico e la filiera produttiva casearia, questo è un segnale molto importante per la salvaguardia delle piccole aziende di montagna come le nostre. Noi allevatori siamo da mesi in forte sofferenza per il consistente aumento del costo del latte alla stalla e ringraziamo Iperal per aver così ben compreso la situazione oggettiva, a conferma, con questo importante gesto, della grande attenzione verso il territorio e le piccole realtà locali che rappresentano un valore inestimabile per il mantenimento e la tutela dello stesso».

Il foraggio

«In questo contesto estremamente complesso - dichiara Armando Acquistapace, allevatore e presidente della Latteria sociale di Delebio - il nostro sistema zootecnico di montagna subisce ancor più il peso della contingenza rispetto alle grandi aziende agricole di pianura che possono contare su economie di scala migliori e costi di gestione inferiori. Inoltre la scarsità di acqua ha aggravato ulteriormente una situazione già critica. Siccome per noi allevatori di montagna mantenere il più alto livello di qualità del latte conferito è un fattore imprescindibile, l’unica soluzione vista la scarsità di produzione foraggiera locale è la diminuzione delle quantità prodotte. Ciò si traduce in un ulteriore aggravio dei costi che sta mettendo a dura prova la tenuta dell’intero sistema - conclude - Oggi più che mai poter contare sul sostegno agli allevatori locali da parte di Iperal è un segnale importante che trasmette fiducia al nostro operato ad all’intera filiera e ci permette di guardare al futuro con maggior tranquillità». R. Eco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA