Infopoint di Sondrio, nel 2019 crescita del 62%
La Sala Vaninetti recentemente inaugurata al Mvsa

Infopoint di Sondrio, nel 2019 crescita del 62%

Continuano ad aumentare le richieste allo sportello di Sondrio: lo scorso anno più di 12mila gli accessi. Al centro dell’attenzione palazzi e itinerari per le passeggiate. L’assessore Diasio: «C’è ancora molto da fare».

Più di 12mila persone. Crescono sensibilmente i numeri dell’Infopoint e migliora l’attrattività di Sondrio con le richieste dei turisti aumentate in un anno del 62%. I numeri di fine 2019 inquadrano la realtà di una città che sta adottando nuove strategie di promozione, uno degli obiettivi prioritari che sono stati scelti dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Marco Scaramellini. Si tratta di un valore, peraltro, che non tiene conto dei messaggi che arrivano via social, delle chiamate e delle email che, se presi in considerazione, farebbero salire ulteriormente il numero di accessi globali ai servizi offerti dall’Infopoint. Un’offerta assicurata sette giorni su sette dal personale del Comune con il supporto di personale esterno, così da garantire gli standard richiesti da Regione Lombardia per gli Infopoint delle città capoluogo.

L’ufficio svolge il servizio di informazione e promozione turistica per la città e il territorio provinciale: distribuisce materiale illustrativo e fornisce informazioni su luoghi, opportunità e iniziative e si occupa della gestione dei canali social (@VisitaSondrio), assicurando a visitatori italiani e stranieri l’assistenza turistica necessaria per muoversi sul territorio. La valorizzazione di Sondrio, della sua offerta culturale ed enogastronomica, del territorio e delle sue ricchezze anche attraverso gli eventi come strumento di arricchimento delle esperienze da fare in città, sta producendo i primi, importanti risultati.

Un tassello al quale dovranno necessariamente incastonarsene altri, come prudentemente evidenzia l’assessore al Turismo Michele Diasio: «Questi dati ci soddisfano, ma soprattutto ci stimolano ad intensificare gli sforzi: la strada intrapresa è quella giusta ma il percorso è ancora lungo, e molto rimane da fare affinché Sondrio possa rivestire un proprio ruolo nell’ambito dell’offerta turistica provinciale». «Gli eventi proposti nel corso dell’anno - continua l’assessore - in parte rivisitati in parte nuovi, hanno attirato pubblici diversi e ottenuto apprezzamenti convinti e sono diventati una modalità per far fare al visitatore un’esperienza, per fargli conoscere e apprezzare la nostra città e il territorio circostante. Su questi riscontri stiamo definendo la programmazione per il 2020, sviluppando azioni di comunicazione integrata e un piano annuale con obiettivi di medio-lungo periodo».

In attesa della certificazione che verrà presumibilmente dalle presenze, i cui dati saranno disponibili nelle prossime settimane, il numero degli accessi all’Infopoint assume comunque particolare rilevanza.

Entrando nel dettaglio nel corso del 2019 le persone che si sono rivolte all’ufficio ubicato al piano terra del municipio, in piazza Campello, sono state 12.257, il 62% in più rispetto al 2018. In generale, circa l’84% degli utenti è italiano che accede all’ufficio per richiedere il calendario delle iniziative in programma sul territorio e per i trasporti pubblici locali, e di operatori del comparto turistico che si rivolgono all’infopoint per richiedere supporto e materiale per le loro attività. Chi arriva da fuori provincia è attratto in particolare dagli eventi e dai luoghi di interesse, come, ad esempio, i palazzi storici, il Mvsa e Cast, inaugurato a inizio ottobre. Tra il materiale illustrativo più richiesto dagli utenti, sia dagli italiani che dagli stranieri, ci sono le cartine di Sondrio e del territorio circostante, i rifugi montani, gli itinerari per le passeggiate, su tutti il Sentiero Valtellina e la Via dei Terrazzamenti.

Ma non solo. Un grande richiamo è costituito, infatti, dalla tradizione enogastronomica e dalla ricerca dei sapori della tradizione, con richieste di consigli e informazioni su dove poter mangiare e su quali prodotti acquistare, oltre naturalmente al supporto nella ricerca di un alloggio. L’infopoint gestito dal comune di Sondrio attraverso il proprio personale e alcuni operatori esterni, aperto al pubblico sette giorni su sette, svolge il servizio di informazione e promozione turistica per la città e il territorio provinciale.

L’infopoint distribuisce materiale illustrativo e fornisce informazioni su luoghi, opportunità e iniziative, assicurando ai visitatori, sia italiani che stranieri, l’assistenza necessaria per muoversi sul territorio e scoprirne le peculiarità.


© RIPRODUZIONE RISERVATA