Giochi 2026, la vetrina è su internet

La strategia Un portale messo on line dalla Regione «per dare risalto alle località non solo in vista delle Olimpiadi». Si punta a valorizzare l’aspetto turistico e non solo sportivo: «Vogliamo promuovere anche gli altri comprensori»

Giochi 2026, la vetrina è su internet
La pista Stelvio a Bormio sarà sede delle gare di sci alpino maschile

Comprensori sciistici e palazzi del ghiaccio, a tre anni dal grande evento internazionale la Lombardia delle Olimpiadi si mette in mostra con una vetrina rivolta a sportivi e appassionati che va oltre l’appuntamento con le gare e le sue sedi.

Ha lo scopo di raggiungere una platea quanto più vasta possibile, comprese tutte le federazioni sportive che parteciperanno all’evento internazionale del 2026, ma anche di valorizzare, oltre a quelli sportivi, gli aspetti turistici delle diverse località che compongono l’offerta complessiva regionale il portale “Road to 2026 - Lombardy is more than venues”, messo on line dalla Regione Lombardia, coprotagonista insieme al Veneto dei prossimi Giochi invernali.

La presentazione

La piattaforma, presentata dal sottosegretario allo Sport, Olimpiadi 2026 e Grandi eventi, Antonio Rossi, fornisce in doppia lingua, italiano e inglese, le informazioni sulle piste da sci presenti nelle 24 località lombarde contemplate - otto le destinazioni della provincia di Sondrio -, le difficoltà, l’altitudine, e una serie di dettagli utili ad aiutare a conoscere le possibilità che la Lombardia offre agli amanti degli sport della neve. Ricomprendendo tra di loro anche le squadre che dovranno decidere dove far allenare i propri atleti in vista dell’appuntamento di Milano-Cortina.

«Abbiamo fortemente voluto questa iniziativa - spiega Antonio Rossi, il sottosegretario allo Sport, Olimpiadi 2026 e Grandi eventi - per dare risalto alle località non soltanto in vista dei Giochi invernali. Tutto il territorio lombardo ha un grande potenziale che deve essere conosciuto e sponsorizzato nella maniera giusta. Continuiamo a lavorare per rendere sempre più accessibili e fruibili le informazioni sulle tante possibilità di praticare sport nel nostro meraviglioso territorio».

«Con questa piattaforma - commenta l’assessore alla Montagna, Enti locali e Piccoli Comuni, Massimo Sertori - vogliamo promuovere anche gli altri comprensori dove le varie nazionali potranno allenarsi in vista dei giochi olimpici. Abbiamo messo in rete tutti gli impianti e li promuoveremo attraverso i comitati olimpici, le federazioni nazionali, le ambasciate e i consolati».

Il portale si divide in due parti, una dedicata ai comprensori sciistici e l’altra agli impianti del ghiaccio. In entrambe le cartine interattive compaiono le località valtellinesi. Gli impianti del ghiaccio segnalati sono dieci in tutta la Lombardia, tre in provincia di Sondrio: a Madesimo, Chiavenna e Bormio. Per ciascuno sono indicate le caratteristiche è c’è il rimando, con link o meno, al sito ufficiale.

Diverse possibilità

Più ampie e articolate, le indicazioni rispetto ai comprensori sciistici che comprendono sia le piste da discesa che anche gli anelli e i tracciati per praticare lo sci nordico. E così oltre alla pista Stelvio di Bormio che sarà sede delle gare di sci alpino maschile e le aree di Mottolino, Sitas-Tagliede e Carosello 3000 di Livigno scelte per le gare di snowboard e freestyle, ci sono anche tutti gli altri tracciati di Bormio e Livigno, oltre a quelli presenti nella ski area della Valchiavenna, in Valgerola, in Valmalenco, ad Aprica, a Oga-Valdidentro e a Santa Caterina Valfurva.

Per ciascun comprensorio è pubblicata una cartina con indicate le piste colorate in base alla difficoltà (blu, rosso e nero). Cliccando sul nome di ciascun tracciato si apre una finestra con indicate la quota, la pendenza, la lunghezza e la larghezza e il servizio di soccorso disponibile. C’è anche l’indirizzo del sito internet su cui poter trovare ulteriori immagini e informazioni. C’è solo l’imbarazzo della scelta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA