Esami per le professioni turistiche

Camera di commercio in cattedra

Nuovi incarichi organizzativi e di tipo amministrativo in un settore che costituisce una risorsa primaria

Esami per le professioni turistiche Camera di commercio in cattedra
Il turismo resta una risorsa primaria per l’economia della Valtellina

Camera di commercio che assume nuovi ruoli di carattere organizzativo e amministrativo sulla formazione turistica. Da quest’anno passano alla Camera di commercio di Sondrio le competenze per la gestione degli esami abilitanti delle professioni turistiche, in particolare guida turistica, accompagnatore turistico e direttore tecnico di agenzia di viaggio e turismo. Ruoli cruciali in una provincia in cui il turismo costituisce la risorsa primaria. Gli uffici di via Piazzi si occuperanno di tutta la procedura amministrativa seguita finora dalla Provincia, realizzeranno la nomina delle commissioni d’esame, provvederanno alla ricezione e istruttoria delle domande, alla convocazione dei candidati, alla tenuta delle sessioni d’esame.

Quella di Sondrio, viene sottolineato «è la prima Camera di commercio lombarda a cui vengono affidate, grazie alla subdelega della Provincia, un primo nucleo di funzioni amministrative in ambito turistico. Questa novità assume un indubbio valore in un territorio a vocazione turistica quale il nostro e risponde all’obiettivo, perseguito dall’ente camerale, di concentrare progressivamente in un unico soggetto le attività amministrative che riguardano l’esercizio delle attività imprenditoriali e delle professioni, turistiche in questo caso».

Tale risultato «è stato reso possibile dalla forte concertazione fra Regione Lombardia, Provincia di Sondrio e Camera di commercio. Le basi sono state gettate con il riconoscimento della possibilità di delega alle Camere di commercio effettuato dalla nuova legge regionale, con il contributo decisivo di Ugo Parolo, sottosegretario alla Presidenza di Regione Lombardia e dell’assessore allo sviluppo economico Mauro Parolini, all’interno della nuova legge regionale sul turismo».

La provincia ha orchestrato questo passaggio di funzioni nell’accordo quadro “di sviluppo territoriale” su proposta del presidente Luca Della Bitta, ed è stata stipulata una convenzione tra i due enti. L’impegno resta la massima professionalizzazione: in provincia di Sondrio sono 77 le guide turistiche e 37 gli accompagnatori turistici iscritti negli elenchi; 44 le agenzie di viaggio attive. «Pensiamo a svolgere bene questo nuovo incarico – ha affermato il presidente camerale Emanuele Bertolini –, frutto di una perfetta intesa istituzionale con la Provincia e con la Regione. È questa la giusta via per valorizzare la nostra specificità, secondo criteri di efficienza e razionalizzazione delle funzioni svolte da ciascuno in un quadro collaborativo condiviso».

«Auspico che anche altri enti mostrino la medesima lungimiranza della Provincia di Sondrio nel condividere soluzioni e partnership, che valorizzino il ruolo della Camera di commercio quale amministrazione per le imprese. Il prossimo ambito a cui ci rivolgeremo – ha anche annunciato – sarà quello degli sportelli unici per le attività produttive, i “suap”, in particolare nei confronti dei comuni che li gestiscono in forma non associata e di quelli che ancora non utilizzano il software messo gratuitamente a loro disposizione dalla Camera di commercio. C’è molto lavoro da fare», conclude il presidente. Ora si avvieranno gli iter per dare il via alle attività.

© RIPRODUZIONE RISERVATA