Da Sondrio a numero uno negli States
1 Fabrizio Capobianco, durante una conferenza, ospite della Bps 2 La schermata della app TokTv 3 Un primo piano dell’imprenditore valtellinese

Da Sondrio a numero uno negli States

Fabrizio Capobianco, 44 anni, da 14 negli Usa, segnalato tra gli italiani più influenti nel mondo. Ha creato TokTv, una app per seguire le partite di football e baseball tifando dal divano di casa.

Bella soddisfazione per Fabrizio Capobianco, il 44enne di origine valtellinese che dal 1999 si è trasferito negli Stati Uniti, più precisamente nella Silicon Valley per dare vita ai suoi progetti: un servizio pubblicato sul primo numero del nuovo anno di “Panorama” ha infatti inserito il nome proprio di Fabrizio Capobianco tra quelli di 15 italiani da tenere d’occhio nei prossimi 12 mesi.

Un riconoscimento dell’ottimo lavoro svolto proprio da Capobianco in questi anni specialmente nell’ambito dei software e delle applicazioni: in questo Fabrizio Capobianco ha unito le sue doti imprenditoriali e professionali (la sua formazione è quella di ingegnere) alla sua grande passione per lo sport. E anche per questa passione è stato bravo a coniugare il meglio del suo Paese d’origine e di quello d’adozione.

Fabrizio Capobianco, infatti, ha fondato ormai da qualche anno TokTv con l’obiettivo di sviluppare applicazioni per seguire le partite attraverso una app. Non la cronaca della partita ma ricreando l’esperienza di tifare con gli amici anche se fisicamente lontani e comodamente seduti sul proprio divano. L’imprenditore valtellinese ha lanciato quest’idea innanzitutto per baseball e football americano, due degli sport più popolari negli Stati Uniti e ha vissuto la “consacrazione” per la sua applicazione nel corso del Superbowl, la finale del campionato professionistico di football americano, ma soprattutto evento sportivo che per popolarità a livello globale è secondo solo a Olimpiadi e alla finale dei mondiali di calcio.

Poi Fabrizio Capobianco è stato contattato dalla Juventus, squadra per cui peraltro è grande tifoso, e ha così creato una versione della sua applicazione appositamente per la società e i tifosi bianconeri: “Juventus Live”, questo il nome scelto per l’applicazione, ha debuttato il 26 agosto 2013 in occasione della prima gara del campionato di serie A e da allora il successo è stato crescente.


© RIPRODUZIONE RISERVATA