Contratti agevolati: sostegno alle cantine  e ai piccoli viticoltori
La misura finanziaria per l’acquisto delle uve è stata presentata ieri n ella sede della Camera di commercio

Contratti agevolati: sostegno alle cantine

e ai piccoli viticoltori

Camera di Commercio, Provincia, Creval e Bps confermano la misura finanziaria per l’acquisto delle uve «Prima si arrivava ad attese di un anno per i pagamenti»

Un’agevolazione per le case vinicole, una certezza in più per i piccoli viticoltori, che non devono aspettare a lungo per ottenere i frutti di un’annata di lavoro. Torna anche quest’anno la misura finanziaria per l’acquisto delle uve Docg, Doc e Igt attivata con una collaborazione pubblico-privato che vede protagoniste Camera di commercio, Provincia, Credito Valtellinese e Banca Popolare di Sondrio.

Obiettivo, abbattere i tempi dei pagamenti dalle case vinicole ai viticoltori che conferiscono le uve, attraverso un contratto-tipo legato a finanziamenti agevolati da parte degli istituti di credito. «Prima si arrivava ad attese di un anno e più per il pagamento delle uve – ha ricordato il presidente della Camera di commercio Emanuele Bertolini, presentando l’edizione 2016 dell’iniziativa -, ora invece i viticoltori che conferiscono le uve ricevono intorno a marzo i soldi per la vendemmia di ottobre. Con una “triangolazione” studiata dal sistema territoriale abbiamo risposto ad un problema che il mondo del vino viveva e abbiamo creato una situazione virtuosa, che rende più tranquilli i conferenti e consente un’uscita dilazionata alle case vinicole».


© RIPRODUZIONE RISERVATA