Chef Hiro a Sondrio per mangiare  È tutto chiuso e finisce da Mc Donalds
Hirohiko Shoda, più conosciuto come Chef Hiro, a Sondrio

Chef Hiro a Sondrio per mangiare

È tutto chiuso e finisce da Mc Donalds

La curiosità Il celebre cuoco giapponese star di Gambero rosso channel immortalato in città

Per le vie del centro sondriese domenica si aggirava una celebrità: Hirohiko Shoda, più conosciuto come Chef Hiro, ha visitato il capoluogo valtellinese e si è anche fatto scattare una foto sorridente accanto alla scritta “Sondrio” proprio sotto il Comune, in piazza Campello.

La foto dello chef, noto sui social e anche dal pubblico televisivo per essere protagonista di programmi di successo, ha spopolato su Facebook

Hirohiko Shoda appoggiato alla scritta posizionata dall’amministrazione comunale proprio con l’obiettivo di invogliare i selfie e la condivisione sui social network, i baffetti che lo contraddistinguono e un sorriso spontaneo.

Cosa ci facesse in Valtellina, però, al momento non è dato saperlo, ma si può ipotizzare che l’apprezzato cuoco abbia avuto l’opportunità di assaporare i prodotti tipici locali, certo molto differenti dalla cucina che conosce così bene e di cui è un assoluto esperto, quella giapponese. Eppure, su questo non c’è certezza.

A far sorridere, e molto, il mondo di Facebook è infatti un particolare raccontato proprio sotto la foto da una valtellinese: chef Hiro è stato avvistato, infatti, mentre cenava al Mc Donald di Castione Andevenno. Sembra impossibile, ma lui stesso ha confermato rispondendo a Cinzia Tavelli.

«In centro era tutto chiuso, il Mc ci ha salvato» ha scritto. Certo, una circostanza curiosa, e non esattamente un meraviglioso biglietto da visita per la città di Sondrio. Certamente l’esperto di buon gusto avrebbe preferito cenare con prodotti locali piuttosto che in un fast food internazionale.

Chef Hiro, in Italia da quando aveva poco più di 30 anni, è presto diventato il “samurai” di Gambero Rosso Channel, dove si è fatto conoscere grazie alla trasmissione “Ciao, sono Hiro”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA