YouPol, l’app per vincere il bullismo
La presentazione ieri mattina in questura della nuova app contro il bullismo e lo spaccio

YouPol, l’app per vincere il bullismo

Presentata in Questura potrà essere usata anche per segnalare agli agenti casi di spaccio. I ragazzi potranno comunicare in tempo reale eventuali soprusi - Finora pochi i casi registrati in provincia.

Coinvolgere e responsabilizzare gli adolescenti per quanto riguarda la prevenzione dei fenomeni del bullismo e dello spaccio di droga e fornire loro uno strumento semplice e di utilizzo immediato per segnalare gli episodi di cui siano testimoni in prima persona: nasce con questi obiettivi “YouPol” l’ app della Polizia che da martedì è attiva anche a Sondrio.

Per utilizzare l’app, basterà scaricarla gratuitamente sullo smartphone o sull’I-Phone da play store o da App Store e poi registrarsi: sarà possibile farlo sia in forma anonima sia indicando le proprie credenziali. Avvenuta la registrazione, ragazzi e ragazze potranno inviare la loro segnalazione in caso siano testimoni di un episodio di bullismo, in classe o in qualsiasi contesto anche nel loro tempo libero, o che riguardi lo spaccio di droga, accedendo proprio a “YouPol” e mandando un messaggio che potrà essere accompagnato anche da una foto.

La segnalazione arriverà immediatamente alla sala operativa della Questura di Sondrio che potrà così intervenire in flagranza, mentre tra la segnalazione e l’effettivo intervento degli agenti della Polizia, sempre attraverso l’ app YouPol il soggetto che ha segnalato l’episodio potrà continuare a interagire con la sala operativa della Questura, magari fornendo ulteriori informazioni.

«Siamo pronti a ricevere molte segnalazioni - ha evidenziato Fabrizio Mastroianni, dirigente dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico della Questura di Sondrio - e sappiamo che alcune magari saranno un “gioco”, ma noi siamo qui per accertarci di quanto accade e per stare vicini ai cittadini, quindi è sempre meglio ricevere una segnalazione piuttosto che non riceverla.

Crediamo che questo strumento possa responsabilizzare i giovani, rendendoli partecipi in prima persona del contrasto ai fenomeni di bullismo e di spaccio di droga».

Come detto, da martedì l’ app è attiva per tutte le Questure d’Italia, ma “YouPol” è già stata utilizzata in alcuni territori, come ad esempio a Milano e Torino. Proprio da Milano è arrivata una segnalazione relativa al territorio sondriese, rivelatasi, però, poi uno scherzo. Più in generale, comunque, come ha detto Fabrizio Mastroianni, i casi di bullismo in provincia di Sondrio sin qui si possono contare sulle dita di una mano. A livello nazionale, invece, finora sono stati 118mila i download di “YouPol”, 1.152 le segnalazioni di casi di bullismo e 2.132 quelle per episodi legati allo spaccio di droga.

La Questura di Sondrio a partire dal mese di settembre organizzerà un ciclo di incontri nelle scuole per sensibilizzare gli studenti sui temi della prevenzione del bullismo e dello spaccio di droga, sia per far conoscere meglio la nuova applicazione “YouPol”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA