Volto di donna nel nuovo logo della Valmalenco
L’immagine che la Valle ha scelto per rappresentarsi sul mercato

Volto di donna nel nuovo logo della Valmalenco

Nel nome anche Bernina perché la Valle guarda al mercato svizzero e all’area di Sankt Moritz.

«Il futuro della Valmalenco Ski Resort non si limiterà al rifacimento del brand, ma si proietterà verso quota 3.000 e verso l’Engadina, non per niente siamo nel cuore delle Alpi. Sankt Moritz e le sue piste sono a pochi passi da noi, ci stiamo muovendo per raggiungerle e creare un unico bellissimo comprensorio, l’obbiettivo è di farlo entro le Olimpiadi del 2026 di Milano, Cortina e soprattutto Valtellina».

La filosofia

A dirlo è l’avvocato Franco Vismara, amministratore delegato della società Funivia al Bernina (Fab Srl), che ha commentato la decisione di Valmalenco Bernina Ski Resort di aprire la stagione invernale con una nuova brand image: fedele alla tradizione sportiva e territoriale, ma con uno sguardo rivolto al futuro.

Il progetto di rinnovamento parte proprio dal naming, per usare una parola cara al marketing, a cui è stato aggiunto il riferimento alla celebre e iconica vetta del Bernina e che si esprime visivamente nel nuovo marchio: una moderna e creativa reinterpretazione della figura femminile protagonista del logo storico.

Il nuovo marchio, infatti, rappresenta il volto di una donna - simbolo dello sport e autentica decision maker - che illustra le principali caratteristiche di Valmalenco Bernina Ski Resort: incorniciato dalla skyline delle famose vette della valle e da una chioma che simboleggia il territorio scaldato e illuminato da un sole splendente. Non manca il riferimento alla famosa funivia Snow Eagle, riflessa sulla lente degli occhiali.

«Il lettering, moderno e di facile lettura completa il rinnovamento dell’immagine - si legge nel comunicato diffuso ieri dal Consorzio turistico Sondrio e Valmalenco -. La nuova brand image è quindi un’interpretazione audace e innovativa delle punte di diamante del Valmalenco Bernina Ski Resort che identifica il comprensorio sciistico dell’Alpe Palù, raggiungibile con la Snow Eagle. Oltre allo sci c’è la possibilità di fare passeggiate, a piedi o con le ciaspole: un ambiente fiabesco e suggestivo con pini e abeti attorno al lago che in inverno si presenta naturalmente ghiacciato. Ma l’offerta non finisce qui: grazie allo snow park i temerari del freestyle e dello snowboard possono divertirsi in acrobazie aeree».


© RIPRODUZIONE RISERVATA