Violenza sessuale a Menaggio  A giudizio barman di Chiesa
La presunta violenza sarebbe avvenuta nel lido di Menaggio, chiuso

Violenza sessuale a Menaggio

A giudizio barman di Chiesa

Venne fermato e liberato. Si dichiara innocente. Il processo tra un anno

Saranno processati l’11 marzo del prossimo anno (2021) i tre giovani accusati della violenza sessuale denunciata da due ragazze residenti nel Varesotto incontrate a Menaggio la sera dell’8 agosto 2018.

Dopo il proscioglimento del 24enne di Claino con Osteno, lui pure finito in carcere all’epoca della denuncia, quindi ritenuto estraneo a tutte le contestazioni, sul registro degli indagati erano rimasti il barman di 24 anni di Chiesa in Valmalenco, un ventenne di nazionalità albanese e residenza a Spoleto in Umbria, eun cittadino moldavo di 21 anni, espatriato subito dopo i fatti e da allora latitante. I tre, che si professano innocenti e respingono le accuse delle ragazze, saranno giudicati in dibattimento. Il barman, in particolare, all’indomani della scarcerazione confermò che tra lui e la ragazza c’erano stati baci «ma alcun contatto di tipo sessuale. A lei chiedo di raccontare finalmente la verità».

Appuntamento in dibattimento tra un anno. La scelta del rito ordinario - senza gli sconti dei riti alternativi - dice già qualcosa a proposito dell’intenzione, da parte degli imputati, di protestare la propria innocenza.


© RIPRODUZIONE RISERVATA