«Villa Camagni, intervengano i Comuni  Sede ideale per l’ostello degli studenti»
La villa in via Visconti Venosta

«Villa Camagni, intervengano i Comuni

Sede ideale per l’ostello degli studenti»

La consigliera Stoppani lancia un appello per avviare lavori di riqualificazione

«La fondazione Camagni appartiene ai diciotto Comuni che vanno da Teglio a Livigno. Dunque il mio suggerimento è che ogni Comune metta del suo per riqualificare la sede storica di via Visconti Venosta per creare una struttura che soddisfi le esigenze di tutti. Non si può più aspettare l’interessamento di un privato per sbloccare la situazione, perchè il mercato immobiliare è ancora troppo fermo».

Marilisa Stoppani, consigliere della minoranza “Progetto per Tirano” ed ex assessore ai Servizi Sociali, lancia una proposta al consiglio di amministrazione della fondazione Camagni e a tutti i Comuni della Media e Alta Valle che hanno espresso un proprio rappresentante all’interno dell’ente. «Visto che la fondazione appartiene a diciotto Comuni, si chieda uno sforzo a ciascuno di essi e si convochi un incontro per capire quale struttura possa nascere per soddisfare tutti. I Comuni dell’Alta Valle stanno percependo non poche risorse in quanto zone di confine con il Trentino. Ritengo che tutti potrebbero mettere del loro creando, ovviamente, qualcosa che possa servire a tutti. Da anni si parla di un ostello che accolga gli studenti dell’Alta Valle che frequentano le scuole superiori a Tirano».


© RIPRODUZIONE RISERVATA