Martedì 01 Luglio 2014

Via libera a Ganda

Ma i rischi restano

Asfalto nuovo e corsia allargata Ponte di Ganda e strada provinciale per Dazio;Le criticità non mancano a cominciare dalla roccia friabile sul costone
(Foto by Foto Sandonini)

Riaperto il passante tra Ponte di Ganda e la provinciale per Dazio. Da sabato pomeriggio sono sparite le transenne che ostruivano il passaggio veicolare e finalmente, dopo circa un anno e mezzo di cantieri aperti, il collegamento con la frazioni di Campovico, Paniga e Desco è stato ripristinato.

Da pochi giorni,dunque sono rientrati i disagi per i lavoratori e i residenti delle frazioni costretti a fare il giro largo dal ponte di Paniga (soprattutto i mezzi pesanti), oppure a passare sullo storico ponte ad archi con tutti i limiti di sicurezza e di accessibilità che ben si conoscono. La riapertura arriva con un paio di settimane di ritardo rispetto alla tempistica annunciata dall’assessore provinciale Silvana Snider poco prima delle elezioni che aveva parlato della prima decade di giugno, ma tant’è, la gente è contenta e i lavori sembrano per il momento soddisfare residenti e automobilisti che per primi hanno testato l’arteria allargata. Tra gli altri anche l’assessore ai Lavori Pubblici Massimo Santi, anche lui abitante di Campovico: «I lavori mi sembrano ben fatti, forse andrebbe livellato meglio il fondo stradale, ma il problema più urgente che era quello dell’interscambio è stato risolto, così basta code, soprattutto negli orari di punta».

© riproduzione riservata