Via la “girandola” sulla ferrovia  È troppo pericolosa
La girandola soppressa

Via la “girandola” sulla ferrovia

È troppo pericolosa

Rete Ferroviaria Italiana Spa sta sopprimendo i passaggi pedonali che non danno sicurezza.

Via un’altra girandola. Dopo quella di San Cassiano anche quella di Prata Camportaccio che collega, attraversando i binari della linea ferroviaria Colico-Chiavenna, via Tunesa a via Al Torc sta per scomparire.

La strada a vicolo cieco che si dirama dalla centralissima via Roma, presenta un passaggio peraltro poco utilizzato dagli abitanti. Sicuramente meno di quello eliminato nelle scorse settimane a San Cassiano e sostituito con un percorso protetto e sicuro.

L’intervento si inserisce tra quelli che Rfi vuole completare sul territorio comunale di Prata, uno dei più problematici dal punto di vista della sicurezza. Solo la scorsa settimana l’amministrazione aveva annunciato i lavori di Rfi per la posa di due nuove lanterne di sicurezza sul passaggio a livello, questa volta automobilistico e con sbarre, di via Roma. Un intervento da completare a breve nell’attesa che si definiscano i termini dell’accordo raggiunto per la riqualificazione della fermata della stazione di Prata Centro. La rimozione del passaggio, comunque, non sarà immediata. In questi giorni l’amministrazione comunale ha diffuso un avviso rivolto alla popolazione. Chiunque abbia interesse può presentare le proprie osservazioni al protocollo del Comune di Prata Camportaccio entro un mese dall’avviso. Entro il 10 dicembre, insomma.


© RIPRODUZIONE RISERVATA