Vertice in Prefettura per 180 bloccati su Stelvio. Nessun problema cibo e freddo
Foto del passo Stelvio, dalla pagina Facebook Pirovano Stelvio

Vertice in Prefettura per 180 bloccati su Stelvio. Nessun problema cibo e freddo

La Regione Lombardia ha messo a disposizione un elicottero della Protezione civile regionale per un volo ricognitivo, per vedere dove si trovano i punti di accumulo di neve più pericolosi.

Vertice in Prefettura, questa mattina a Sondrio, sulla situazione dei 180 fra turisti e lavoratori stagionali ostaggio del maltempo al passo dello Stelvio. Il prefetto Giuseppe Mario Scalia ha firmato l’atto di costituzione del Com (Comitato operativo misto), che sarà coordinato dal sindaco di Bormio, Roberto Volpato. Alle 14 di oggi la prima riunione per gli aspetti operativi.

Intanto, rassicura il prefetto, «le persone bloccate allo Stelvio stanno tutte bene, non ci sono problemi di approvvigionamenti di cibo e neppure di freddo in quanto negli alberghi, dove attualmente sono ospitati, funzionano regolarmente i riscaldamenti». La Regione Lombardia ha messo a disposizione un elicottero della Protezione civile regionale per un volo ricognitivo, per vedere dove si trovano i punti di accumulo di neve più pericolosi e per portare al passo dello Stelvio gli operatori incaricati della pulizia della strada e di Pronto intervento (almeno un medico e un infermiere). Per il volo, d’intesa con Arpa Lombardia, si aspetta una prima finestra meteo utile: quando le precipitazioni nevose, in Alta Valtellina, cesseranno o, almeno, diminuiranno di intensità e ci sarà una migliore visibilità, anche per la ricognizione dall’alto della situazione. E’ assai improbabile che, nelle prossime 24 ore, possano scendere a valle i turisti e i lavoratori stagionali.

Intanto nella mattinata è finito l’isolamento per gli 800 residenti di Buglio in Monte, mentre restano bloccati nelle loro case i 40 abitanti di Arigna, nel territorio comunale di Ponte in Valtellina e i circa 300 di Santa Caterina Valfurva e Valdisotto. Rimane, tra l’altro, ancora interrotta per una frana la strada provinciale numero 15 della Valmalenco e, pertanto, restano isolati gli oltre 6mila residenti di 5 comuni. Ma si spera in una soluzione per la serata.


© RIPRODUZIONE RISERVATA