Vandalismi al parco a Sondrio: residenti   esasperati
Uno dei giochi danneggiati (Foto by foto gianatti)

Vandalismi al parco a Sondrio: residenti

esasperati

Ex area Carini: ingenti i danni. Hanno agito con la telecamera attiva

Gli abitanti: «Servono più controlli»

I giochi per i bambini in pezzi, la fontana in ghisa scardinata dal basamento, vetri rotti ovunque, cestini dei rifiuti a terra. Lascia senza parole il risultato del raid notturno messo a segno nel fine settimane nel parco giochi dedicato a don Gnocchi e realizzato nell’ex area Carini. E a lasciare sgomenti è soprattutto il fatto che i vandali hanno agito senza dare il minimo peso alla videosorveglianza della zona. Troppo sballati per accorgersene o troppo incivili per farsene un cruccio?

Le forze dell’ordine ieri mattina sono state allertate dai residenti che da tempo sollecitano maggiori controlli in quel quartiere dove condomini dalle finiture signorili fanno a pugni con il degrado, la sporcizia e l’incuria dovuta a frotte di studenti che consumano pasti lasciando quel che resta a terra, spacciatori che vendono la loro merce anche in pieno giorno ed extracomunitari che hanno scelto quella zona per bivaccare o fare altro.

«Gli androni dei condomini vengono scambiati per orinatoi», ci dice sconsolato uno dei residenti che aggiunge: «Ho preso casa qui, ma se tornassi indietro cambierei zona. Non c’è da stare tranquilli. Un vero peccato, perché il quartiere mi piaceva».

Molti dei residenti non si danno per vinti e hanno alzato la guardia, pronti a chiamare le forze dell’ordine per richiedere il loro intervento. C’è addirittura un gruppo sui social che sta raccogliendo sempre più adesioni (sono una trentina tra i privati che abitano il condominio del 5A e del 5). «Ci scambiamo messaggi, ci diciamo quello che non va e cerchiamo di tenere l’area sotto controllo. Ci teniamo a dire che non siamo razzisti, e vediamo che i comportamenti incivili li hanno tanto gli immigrati, quanto i nostri ragazzi. Speriamo solo che dalle immagini vengano individuati e puniti in modo esemplare».


© RIPRODUZIONE RISERVATA