Van De Sfroos al lavoro a Livigno

Van De Sfroos al lavoro a Livigno

Era impegnato a registrare nel Piccolo Tibet una puntata del suo progetto “Terra&Acqua”.

Fra le migliaia di volti che nei giorni scorsi erano a Livigno, uno era molto conosciuto, quello di Davide Van De Sfroos, impegnato a registrare nel Piccolo Tibet una puntata del suo progetto “Terra&Acqua”. Ha visitato i luoghi cult di Livigno, potendo contare su maestri d’eccezione. Il bibliotecario Emanuele Mambretti gli ha fatto da cicerone al Mus, il museo del paese. L’artista Vania Cusini l’ha accompagnato al Larix Park nella parete dedicata al legno e alla sua lavorazione.

Parlando di acqua ovviamente non poteva mancare il giro in barca al lago di Livigno per toccare con mano lo spinoso argomento delle acque cedute negli anni Sessanta in seguito agli accordi fra Italia e Svizzera che permettono alla confederazione lo sfruttamento del torrente Spol. Vds ha terminato la giornata a Trepalle sulle orme di don Parenti che ispirò il don Camillo di Guerreschi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA