Valtellina Wine trail, il turismo va di corsa  Sabato uno speciale in regalo
I protagonisti della macchina organizzativa della terza edizione del Valtellina Wine trail (Foto by foto Gianatti)

Valtellina Wine trail, il turismo va di corsa

Sabato uno speciale in regalo

Conferme, novità e grande entusiasmo. La kermesse avrà al via 1600 atleti da tutto il mondo. Il giorno seguente visita alle cantine con un pullmino

«Tre anni fa abbiamo iniziato in punta di piedi, tra mille difficoltà, nel tentativo non facile di far incontrare idee differenti. In quattro, cinque anni volevamo attirare più gente possibile, ma neppure noi ci aspettavamo questi numeri».

Marco De Gasperi, uno dei quattro moschettieri del Valtellina Wine trail, inquadrava così mercoledì sera una kermesse diventata un “must” nel breve spazio di un biennio.

Non c’è strada, sentiero, locale in cui non si parli in questi giorni della corsa tra i vigneti, anche tra i semplici appassionati. Sabato 7 novembre è vicino e l’onda di 1600 atleti si prepara ad avvolgere la valle lungo tre percorsi. Tanti i valtellinesi al via da Tirano, Chiuro o Castione, molti dei quali hanno riscoperto la corsa proprio in virtù di questa kermesse. Proprio per illustrare al meglio questa manifestazione, sabato uscirà un inserto speciale di otto pagine, gratuito, con interviste, commenti e programma dell’evento previsto dal 5 all’8 novembre, che ha Sondrio come epicentro ma che coinvolge in tutto 11 comuni.

Sono attesi runner da venticinque nazioni, tra cui Stati Uniti, Cina, Messico ed Ecuador, a testimonianza di un binomio tra sport e turismo decollato alla grande con iscrizioni chiuse in un lampo. Tra loro anche l’inglese Emmie Collinge, vicecampionessa mondiale, fresca vincitrice del trofeo Vanoni. Un’idea diventata realtà, anche grazie al contributo decisivo di enti come la Provincia, il Comune di Sondrio, la Comunità montana del capoluogo e quella di Tirano, il Bim, la Camera di Commercio, sponsor come Creval e Galletto Vallespluga.

Il Valtellina Wine trail costituisce l’ideale chiusura della serie di eventi legati a Expo che hanno visto la nostra valle protagonista. E pure per il prossimo anno l’impegno non mancherà. Le novità della corsa riguardano dapprima i tre percorsi previsti: a quello dei classici 42 chilometri con partenza da Tirano, si affiancherà quello da 21 con il via da Chiuro. Per chi non se la sente di affrontare quelle distanze, ecco il tracciato da 11 km che da Castione porterà nel capoluogo in piazza Garibaldi, dove domenica ci sarà spazio anche per i più piccoli.

Anche chi ha scelto il percorso più breve potrà attraversare quattro cantine che hanno aderito all’evento. Non solo. La collaborazione con Sondrio Festival darà vita a un’iniziativa singolare, con gli organizzatori del Valtellina Wine trail ad accompagnare un centinaio di bambini delle scuole per una camminata tra le vigne, un esperimento per introdurre tra i banchi la voglia di correre lungo i terrazzamenti.

La decisione di anticipare la gara al sabato è stata riassunta da un altro moschettiere: Michele Rigamonti. «In questo modo permetteremo a chi ha gareggiato di visitare domenica le cantine con appositi pullmini, grazie alla preziosa collaborazione del Consorzio Vini. Turismo e sport devono andare di pari passo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA