Valmasino, nuovi lavori dopo la frana  Senso unico e disagi sulla provinciale
Un mese fa era scesa la frana che aveva interessato la Valmasino

Valmasino, nuovi lavori dopo la frana

Senso unico e disagi sulla provinciale

Entra nella fase operativa l’operazione sul versante a monte della strada. Fino al 18 maggio sull’arteria principale che collega col fondovalle il traffico sarà a singhiozzo.

Parte la seconda tranche dei lavori di messa in sicurezza sulla strada provinciale della Valmasino. Da ieri sino al 18 maggio i mezzi dovranno procedere a senso unico alternato. L’intervento era in programma dopo la frana del mese scorso e da ieri è entrato nella fase operativa per mettere in campo i lavori urgenti di messa in sicurezza del versante a monte della strada provinciale numero 9 “della Val Masino”, nel tratto che si trova nel comune di Ardenno.

Per garantire l’esecuzione delle opere e per assicurare la sicurezza della circolazione stradale, l’amministrazione provinciale titolare della strada ha emesso un provvedimento di limitazione del traffico nelle aree interessate dai lavori.

Così sino alle 18 di venerdì 18 maggio sull’arteria principale che collega il fondovalle con la Val Masino si viaggia a senso unico alternato e qualche disagio occorrerà per forza metterlo in conto. A regolamentare la circolazione sarà la ditta esecutrice dei lavori che sospenderà il passaggio delle auto in concomitanza «di quelle lavorazioni che per motivi di sicurezza non possono essere eseguite con la strada aperta al traffico», afferma il provvedimento provinciale.

Nell’area di cantiere il transito avverrà con limite di velocità di 30 chilometri all’ora. Dopo la frana di aprile gli addetti ai lavori hanno provveduto a sistemare sopra le barriere esistenti, le reti paramassi per imbrigliare la montagna che ha ceduto al peso di pioggia e sbalzi climatici. Dopo il disgaggio delle pietre, la ditta incaricata è partita con la sistemazione delle reti e da ieri è iniziato l’intervento successivo di messa in sicurezza poco prima del bivio per la frazione di Biolo, dove si è verificato il distaccamento di massi, terra e detriti finiti nel letto del torrente Masino e sulla sede stradale, mettendo in crisi il transito dei mezzi dal fondovalle sino alla Valmasino.

Da qualche settimana la vallata aveva ripreso a respirare con più tranquillità sul fronte viabilistico, ora dovrà pazientare in attesa del termine dell’intervento sulla roccia. Le automobili comunque potranno transitare sebbene a singhiozzo sulla strada provinciale, visto che la circolazione verrà regolamentata da movieri in base alla diverse fasi di sistemazione delle barriere in quota. «L’attenzione resta – aveva precisato il sindaco di Ardenno Laura Bonat -, quindi invito chi si troverà a transitare in quella zona a seguire sempre le indicazioni di chi lavora sul tracciato».


© RIPRODUZIONE RISERVATA