Vaccini in ritardo  Pressing sulla Moratti  dai sindacati anziani

Vaccini in ritardo

Pressing sulla Moratti

dai sindacati anziani

Moniti e appelli Chiesto un incontro con l’assessore «Vogliamo informazioni sul calendario con tempi certi»

Memori delle traversie legate alla campagna vaccinale antinfluenzale, i sindacati dei Pensionati di Cgil, Cisl e Uil, mettono le mani avanti rispetto alla vaccinazione anti Covid in allestimento.

«A preoccuparci sono i chiari di luna dettati dalle strategie di distribuzione della Pfizer - dicono i segretari generali dei Pensionati di Cgil, Cisl e Uil, Valerio Zanolla, Emilio Didonè e Serena Bontempelli - che non vorremmo mettessero in forse, come già pare, la somministrazione del vaccino agli over 80».

«Per questo abbiamo chiesto un incontro a Letizia Moratti, assessore regionale al Welfare, per capire quando si intende far partire la campagna vaccinale per i, cosiddetti, ’grandi anziani’, ma anche per i portatori di disabilità, per le persone fragili, e per i caregiver, cioè coloro che li assistono».Quello cui puntano, i sindacati dei Pensionati, è capire le priorità che si è data Regione Lombardia e quanti e quali sono i punti vaccinali individuati. «Chiediamo di conoscere calendario e cronoprogramma indicativi per gli anziani - dicono -, e se sarà attivata una piattaforma telematica regionale, semplice ed intuitiva, per permettere agli anziani, ai disabili, ai caregiver e alle persone fragili di prenotare la loro vaccinazione anti Covid. E, allo stesso modo, chiediamo di conoscere le modalità alternative che verranno predisposte, dalla Regione, per permettere di aderire alla vaccinazione anche a chi non è in grado di utilizzare gli strumenti informatici o non li possiede. In particolare, se ci si potrà prenotare anche dal medico di medicina generale»

La collaborazione

Intanto, ieri, a chiedere la collaborazione di personale medico, infermieristico, ostetrico, assistenti sanitari, anche in pensione, per collaboratore alla campagna vaccinale a titolo di volontariato, è stata Ats della Montagna.

Sul proprio sito www.ats-montagna.it, ha pubblicato un avviso per la selezione di personale sanitario che si renda disponibile a titolo gratuito, salvo il riconoscimento di un rimborso spese.

Le candidatura devono essere presentate entro il 3 febbraio prossimo, ma verranno tenuto in considerazione anche domande pervenute successivamente, e inserite in un un apposito elenco aperto

I moduli sono scaricabili dal sito Ats e devono essere inviati, unitamente a copia del documento di identità e curriculum vitae all’indirizzo mail [email protected]


© RIPRODUZIONE RISERVATA