Vaccinazioni, si alza il ritmo  da oggi 300 in più al giorno
Il centro vaccinale di Sondrio all’istituto Quadrio-De Simoni (Foto by gianatti)

Vaccinazioni, si alza il ritmo

da oggi 300 in più al giorno

Lo ha annunciato Asst: le linee di somministrazione restano 12 ma sono allungati gli orari. Si passa dalle 600 dosi quotidiane a circa 900 - Ricontattati i cittadini che non possono ricevere AstraZeneca

Le vaccinazioni in provincia di Sondrio, così come le prenotazioni, procedono in maniera spedita e snella. La prima settimana della campagna massiva si è chiusa con 4.500 prime dosi somministrate ai cittadini con più di settant’anni e alle persone fragili. Da ieri si è ricominciato con lo stesso ritmo, con la prospettiva di aumentarlo a partire da oggi, quando - rende noto Asst - si passerà dalle 600 somministrazioni attuali al giorno a oltre 900.

Le linee vaccinali rimangono 12, ma verrà allungato l’orario di apertura in alcuni centri: a Sondrio, presso la palestra dell’istituto “Quadrio-De Simoni”, e a Morbegno, al Polo Fieristico Provinciale, si vaccinerà ininterrottamente dalle 8 alle 16, a Sondalo, nel sesto padiglione dell’Ospedale Morelli, si proseguirà fino alle 15. A Chiavenna, il palestrone di viale Maloggia sarà aperto sempre dalle 8 alle 14, poiché il numero minore di prenotazioni consente di smaltirle in sei ore. I centri vaccinali dell’Asst Valtellina e Alto Lario sono operativi sette giorni su sette.

Gli ultrasettantenni non idonei ad essere vaccinati con AstraZeneca dopo l’esame della storia clinica effettuato dal medico incaricato, e rinviati a un nuovo appuntamento, sono stati ricontattati e, già a partire da venerdì, convocati per la somministrazione di Pfizer. Nei prossimi giorni verranno chiamati tutti. Da questa settimana i non idonei ad AstraZeneca potranno ricevere subito il vaccino Pfizer compatibilmente con il numero di dosi presenti nei centri. Per problemi di conservazione, infatti, le dosi di Pfizer vengono consegnate sulla base delle necessità, e mai in eccesso, per evitare che vadano sprecate. Ai vaccinati con Pfizer viene fissato l’appuntamento per la seconda dose a tre settimane dalla prima, 11 settimane dopo per AstraZeneca.

E sono arrivati a destinazione ieri i furgoni del corriere di Poste Italiane, SDA, per la consegna presso l’Ospedale civile di Sondrio, di 700 dosi del vaccino Moderna. Nella mattinata mezzi attrezzati con celle frigorifere, hanno preso in carico i vaccini a Piacenza e sono arrivati a Sondrio. In totale ieri i in Lombardia sono state consegnate in un tutto 69.100 dosi di vaccini Moderna.

Intanto da ieri è possibile prenotare il vaccino in Lombardia anche per gli ultra 65enni. Continua ad allargarsi la platea di persone che possono prenotare il vaccino anti Covid in regione. Il via libera era stato annunciato venerdì scorso.


© RIPRODUZIONE RISERVATA