Vaccinazioni in crescita        Ma c’è da aspettare
Al Polifunzionale di Villa di Tirano si ottiene un appuntamento dopo pochi giorni

Vaccinazioni in crescita

Ma c’è da aspettare

Balzo in avanti delle somministrazioni, passate da 4.500 a 10 mila ogni sette giorni, prime dosi comprese. Il problema è la disponibilità di posti

Balzo in avanti delle somministrazioni di vaccino anti Covid in provincia di Sondrio, salite in meno di una decina di giorni da quota 4.500 a oltre 10.000 alla settimana. E non siamo ancora in linea con la domanda, incalzante per le terze dosi, ed in ripresa per le prime.

Sono 21.078 le terze dosi già somministrate in provincia di Sondrio, di cui 1.184 nella sola giornata di ieri, e 2.774 quelle inoculate ad ospiti ed operatori delle Rsa. Numeri destinati ad aumentare molto in questo fine settimana: oggi e domani sono infatti attivi dalle 8 alle 16 i poli vaccinali di Sondalo, Sondrio e Morbegno, solo oggi, dalle 8 alle 15, quello di Chiavenna.

Anche rispetto alle prime dosi siamo in netta ripresa, con 375 somministrazioni nei primi quattro giorni di questa settimana, 144 fra lunedì e martedì e 231 fra mercoledì e giovedì, con una media di 93 somministrazioni al giorno. Parecchie, se si tiene conto che si viaggiava su una media di 100 alla settimana. Un andamento che ha indotto la direzione socio sanitaria di Asst Valtellina e Alto Lario, regista della campagna vaccinale in valle, a riservare un numero di posti a chi si prenota per la prima dose. Anche se in parecchi saltano questo passaggio e si presentano direttamente, ai poli vaccinali per ricevere la prima dose.

Si tratta soprattutto di over 60 e ragazzi che hanno, da poco, compiuto i 12 anni.

Ritardi in questa fase, in provincia di Sondrio si verificano anche in fase di prenotazione, perché gli slot disponibili su Sondrio e su Morbegno, in particolare, sono insufficienti.

«Chi accede al portale - precisano da Asst Valtellina e Alto Lario - ottiene un appuntamento entro pochi giorni a Sondalo e a Villa di Tirano, dove ci sono molti posti liberi, dopo un paio di settimane a Chiavenna, e dopo tre o quattro a Morbegno e a Sondrio, dove permangono problemi legati all’alto numero di utenti che risiedono nei comprensori. Per Morbegno, dove sono attive due linee vaccinali, si sta definendo il trasferimento al Polo fieristico in gennaio, subito dopo le festività, mentre, per Sondrio, che può contare su quattro linee vaccinali a metà dicembre ci sarà uno spazio più ampio a disposizione».

Sempre a Morbegno, al preciso scopo di evitare il replicarsi dei consueti ingorghi in via Morelli e limitrofi, è stato deciso dal 13 dicembre il trasferimento del drive through dal cortile interno del Presidio ospedaliero territoriale, al parcheggio del Polo fieristico, sul lato opposto rispetto all’ingresso principale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA