Una spolverata di neve: sorrisi in alta quota. Ma ancora non basta
La pista Salmurano a Pescegallo in Valgerola dove ieri non mancava la neve grazie alla perturbazione

Una spolverata di neve: sorrisi in alta quota. Ma ancora non basta

Qualche fiocco in Alta e Media Valle. Commenti sui social: la soddisfazione resta moderata. Si scia su numerose piste, ma resta il netto calo dei turisti.

Sono caduti pochi centimetri in alta quota e adesso si aspetta e spera nel weekend. Le nevicate alle quali sono abituati i valtellinesi in febbraio sono ben altre. Ma di questi tempi anche pochi centimetri sono meglio che niente. Ieri la neve (poca) è arrivata a Livigno e in poche altre località sciistiche. Sui social network sono subito comparse immagini di strade e tetti imbiancati, con due o tre dita di “fresca”, ma nei commenti è stata evidente la limitata soddisfazione di residenti e turisti.

Qualche fiocco si è visto, soprattutto in Alta e Media Valtellina, ma non si può certo parlare di una nevicata abbondante, capace di invertire la tendenza di quest’inverno che per molti aspetti è stata da dimenticare.

I bollettini diffusi ieri dalle società degli impianti di risalita hanno messo in risalto la presenza di qualche centimetro di neve fresca nel Piccolo Tibet e sulle piste di Aprica, senza però lasciar osservare numeri particolarmente entusiasmanti.

In ogni caso si scia sulla maggior parte delle piste. Ma l’impressione è sempre la stessa: solo con una bella e abbondante nevicata si potrà provare a invertire il trend di una stagione invernale che finora ha fatto segnare un calo netto nelle presenze. La perturbazione ha fatto da battistrada per una seconda più intensa attesa nel week-end che colpirà soprattutto il Nord con piogge e neve anche abbondante sulle Alpi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA