Una scala con i libri  dipinti sui gradini
La scala con i libri disegnati sui gradini da Paola Trussoni nella foto a sinistra con la delegata alla cultura Luisa Ferrandini

Una scala con i libri
dipinti sui gradini

Ponte in ValtellinaOmaggi all’astronauta Cristoforetti e alle fiabe sul percorso che va dal centro sportivo in piazza

Quando gli studenti e, in generale, i cittadini di Ponte in Valtellina saliranno la scala, che dal centro sportivo porta in piazza Libero Della Briotta, avranno la sensazione di immergersi in un colorato mondo di libri: da “Viaggio al centro della terra” di Verne a “L’isola del tesoro” di Stevenson, dal mitico Topolino a Pippi Calzelunghe, da “La notte della balena” di Bianchessi a Harry Potter fino ad arrivare al titolo clou “Diario di un’apprendista astronauta” di Samantha Cristoforetti.

Via le barriere architettoniche

Geniale intuizione quella dell’amministrazione comunale e, in particolare della delegata alla Cultura, Luisa Ferrandini, che ha pensato a qualcosa di davvero speciale per completare i lavori di eliminazione delle barriere architettoniche e di rifacimento del giardino della scuola primaria del borgo: un murales dedicato a tutte le bambine e i bambini che adorna il muro alla base della scala che, a sua volta, è stata decorata sulle alzate con i titoli dei libri che hanno fatto la storia della letteratura per l’infanzia e degli autori ospiti del festival letterario “Un Ponte di storie”.

«Colori allegri, emoji e temi cari ai piccoli si mescolano con immagini di richiamo al territorio – spiega Ferrandini -. La bambina che legge il libro di Samantha Cristoforetti “Diario di un’apprendista astronauta” e sogna di diventare astronauta è un messaggio rivolto soprattutto alle bambine e alle ragazze, affinché coltivino sempre i loro sogni, senza lasciarsi intimidire o bloccare da preconcetti. Più che mai attuale è il tema a me molto caro della presenza femminile nello studio delle materie scientifiche (Ferrandini è una delle poche donne ingegnere, nda): abbiamo bisogno nel nostro futuro di più presenza e competenza femminile in ambito Stem». Quest’anno il paese festeggia il 150esimo anniversario del monumento dedicato all’astronomo Giuseppe Piazzi, nato proprio a Ponte in Valtellina che a Piazzi ha dedicato l’Osservatorio astronomico di San Bernardo. Il Piazzi ed il simbolo del pianeta nano Cerere da lui scoperto sono raffigurati sulla porzione di muro a sinistra della scala.

Un Ponte di storie

«La scala che porta all’ingresso della scuola primaria è la parte a cui tengo in maniera particolare, perché l’intero lavoro è nato e si è sviluppato attorno all’idea di decorare la scala come se fosse una pila di libri – prosegue il consigliere -: sull’alzata dei gradini sono dipinti alcuni dei classici senza tempo, inframmezzati dalle opere dei maggiori autori e illustratori di libri per ragazzi del momento. Alcuni di loro sono stati o saranno ospiti del festival letterario per ragazzi “Un Ponte di storie”, un piccolo gioiello che il borgo di Ponte racchiude».

Autrice di questo lavoro artistico Paola Trussoni, artista e decoratrice valchiavennasca. «Ho visto alcuni lavori di Paola, mi sono piaciuti e ci siamo incontrate – aggiunge Ferrandini -. Mi hanno colpito la sua bravura e professionalità, la sua determinazione e la sua gentilezza; inevitabile, quindi, che la scelta ricadesse sulla giovane donna ed artista valchiavennasca». Il desiderio per il futuro è quello di proseguire la decorazione delle alzate della scala, ma non solo. L’ingresso della primaria della piazza ha un muro decorato, oltre una ventina di anni fa, dagli alunni. «Le maestre mi hanno proposto di poter ridipingere il muro con i bambini, magari con la guida di un’esperta – conclude -. Valuteremo prossimamente». Intanto è pronto il progetto dei lavori di efficientamento energetico della primaria con sostituzione dei serramenti e tinteggiatura delle facciate, per il quale l’amministrazione è attenta a catturare i fondi tramite i bandi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA