Una piazza intera con il fiato sospeso per le Olimpiadi
La delegazione di Milano-Cortina a Losanna. In prima fila, seconda da sin., la valtellinese Arianna Fontana

Una piazza intera con il fiato sospeso per le Olimpiadi

Il giorno della verità. Oggi alle 18 verdetto da Losanna Italia e Svezia candidate per ospitare i Giochi del 2026. Maxischermo in pieno centro per la diretta televisiva.

Oggi è il gran giorno delle assegnazioni delle Olimpiadi 2026. Atteso per le 18 il verdetto di Losanna sullo schermo gigante che è in piazza Garibaldi (due suoi “fratelli” sono a Milano (in piazza Gae Aulenti) e a Cortina (piazza Dibona). La febbre fluirà oggi attorno all’Eroe dei Due Mondi che ospiterà gli sforzi congiunti di Regione, Provincia, Comune di Sondrio, Coni sondriese che l’hanno addobbata “da grandi occasioni”.

«Nel sogno olimpico ci abbiamo creduto fin dall’inizio - ha commentato l’assessore regionale agli Enti locali, montagna e piccoli comuni Massimo Sertori -. Piazza Garibaldi a Sondrio si trasformerà in una sede distaccata di Losanna per sostenere fino alla fine la candidatura italiana di Milano-Cortina. “Tutti uniti sotto lo stesso cielo” per seguire, con le dita incrociate, le fasi più salienti della cavalcata olimpica».

Abbiamo sentito, al riguardo, il consigliere regionale Simona Pedrazzi che ci ha detto: «Per natura sono sempre ottimista e in questo caso desidero esserlo ancor di più. Certo, è giusto che ci sia qualche preoccupazione, anche solo per dare quello stimolo al fine di riuscire ad essere più combattivi nelle cose. Le carte in regola le abbiamo, tutte, per avere oggi l’ok definitivo per l’assegnazione delle Olimpiadi e quindi, pur tenendo giustamente “incrociatine” le dita, dato che hanno lavorato bene all’appuntamento, mi sento di fare un plauso al presidente Attilio Fontana, e all’assessore Antonio Rossi perché hanno veramente svolto un bel lavoro in questi mesi e quindi siamo “meritevoli” di avere le Olimpiadi qua da noi».

Presidente Fontana che ha scritto ad Anas ricordando lo svincolo di Dervio, sulla Ss36 (se la galleria di monte Piazzo dovesse ancora fare la “burbera”) e il passaggio a livello al Trippi di Sondrio (che incanala il traffico della tangenziale e dall’Alta Valle) quali interventi prioritari per la Valtellina olimpica.

Una lunga attesa, oggi pomeriggio quindi, densa di emozioni e ricca di tifo che coinvolgerà tanti bambini del Gruppo estivo. Verranno distribuiti gadget e cappellini dedicati ai Giochi olimpici; ci saranno degustazioni tipiche e il mercato “Campagna Amica” della Coldiretti di Sondrio, con prodotti a km 0 delle cooperative agricole del territorio. Per rendere più viva l’attesa, musica e attività sportive coordinate dal Coni provinciale di Sondrio per il tramite di Silvia Flematti che ci aggiorna sulla “densità” di presenza sportiva in piazza: «Grazie anche al contributo di Tiziano Fistolera (della segreteria di Sertori) ci saranno lo sci club di Grosio, le tre scuole di sci dell’Aprica, la Polisportiva Albosaggia e sci club Valmalenco con ragazzi che saranno oggetto di intervista da parte della Rai, col coinvolgimento di Alessandro Vanoi, il vicepresidente lombardo del Coni. Anche il Bormio ghiaccio, naturalmente per lo short track, è stato coinvolto, sperando che anche la nazionale venga autorizzata a partecipare al pomeriggio in piazza. E poi l’atletica, la pallacanestro, la pallavolo, il rafting e il gonfiabile del Coni per ospitare i ragazzini e ci saranno anche due icone dello sci, Mario e Chicco Cotelli».

Si preannuncia un testa a testa vibrante; tutto si potrebbe decidere in volata per una manciata di voti: l’Italia sembra partire leggermente favorita, per i book-makers, ma la Svezia promette battaglia. Insomma, bisognerà aspettare le 18.


© RIPRODUZIONE RISERVATA