Un ponte sospeso sulla Valtartano
Il progetto di ponte sospeso tra Campo Tartano e i maggenghi di Püstaresc ha ottenuto il sì della Conferenza dei servizi

Un ponte sospeso sulla Valtartano

Il progetto: la campata unica tra Campo e Püstaresc proposta dal Consorzio migliorie ha ottenuto il primo via libera. Il sindaco Barbetta: «Analoghe esperienze in località montane isolate hanno ottenuto successo sul fronte turistico».

Primo passo concreto verso la realizzazione della passerella panoramica sospesa sulla valle tra la frazione Campo Tartano e i maggenghi di Püstaresc con il parere favorevole degli enti nella conferenza di servizi istruttoria e una convenzione siglata con il comune di Tartano che riconosce l’opera «di pubblico interesse e utilità».

L’idea, così come il progetto di fattibilità e le iniziative ad esso collegate, non viene da un ente pubblico bensì dal consorzio di miglioramento fondiario “Püstaresc” di Campo Tartano, che ha portato avanti l’iniziativa di valorizzazione e recupero ambientale, sostenibile e dai risvolti anche turistici alla quale l’amministrazione comunale del paese ha riconosciuto formalmente attraverso una delibera di consiglio il valore per tutta la valle.

«Realizzare un collegamento pedonale in quota, senza percorrere gli antichi sentieri che scendono al torrente Tartano per poi risalire sulla sponda opposta - ha detto il sindaco nell’ultimo consiglio comunale - rappresenta un indiscutibile vantaggio rispetto al disagio per i proprietari dei maggenghi della zona».

Recentemente il consorzio, per mezzo del Comune, ha promosso la conferenza di servizi istruttoria per valutare lo studio di fattibilità dell’opera e gli enti invitati hanno espresso parere favorevole all’intervento. Il comune di Tartano ha deciso di aderire all’iniziativa facendosi carico della gestione delle pratiche amministrative riconoscendo nel progetto «un’occasione irripetibile oltre che una opportunità di sviluppo economico e turistico per la frazione di Campo e dell’intera Valtartano».

Dalla Comunità montana di Morbegno è venuta la proposta di riconoscere l’opera di pubblico interesse per avere maggiori possibilità di finanziamento. Ne è seguita la stipula di una convenzione che disciplina i rapporti tra Comune e Consorzio sia per la progettazione che l’esecuzione dell’opera, sia infine per la sua gestione.

«La convenzione - ha detto il sindaco Oscar Barbetta - stabilisce anche che per il nostro ente non solo previsti costi di alcun genere in tutte le fasi fino alla gestione della passerella, che resta di proprietà privata ma di uso pubblico e pertanto di pubblico interesse».

La convenzione prevede l’uso gratuito della passerella da parte del personale del Comune, delle associazioni per attività di volontariato, delle squadre di soccorso e forze dell’ordine e dei soci del Consorzio. «La passerella pedonale rappresenta certamente un’occasione irripetibile di incrementare il richiamo turistico in Valtartano - ha detto il sindaco -. La passerella pedonale a fune, recentemente realizzata in un paesino della Svizzera e oggetto duna recente visita anche dei rappresentanti del Consorzio, ha determinato in quei luoghi isolati di montagna un notevole successo per numero di visitatori. L’incremento delle presenze turistiche per la nuova opera di Campo Tartano, porterà certamente uno sviluppo economico nell’intera area con nuove occasioni di lavoro per tutti gli operatori economici della valle».


© RIPRODUZIONE RISERVATA