Ultimo scritto, maturandi alla prova del quizzone

Ultimo scritto, maturandi alla prova del quizzone

Cala il tris l’esame di Stato 2016, che richiama in classe - chi la mattina, chi nel pomeriggio - i circa 1.350 studenti di Valtellina e Valchiavenna tenuti ad affrontare l’ultimo e terzo scritto.

Una prova, la numero tre, che, a differenza delle precedenti che, arrivando dal ministero dell’Istruzione, sono uguali da nord a sud d’Italia, è multidisciplinare e redatta da ciascuna delle 36 commissioni, al lavoro nelle scuole della provincia, che devono valutare 72 classi quinte.

Oltre a una preparazione omogenea e puntuale, i candidati che, per loro stessa ammissione, temono non poco il cosiddetto quizzone, devono cercare di gestire al meglio le ore a disposizione - da due in su, anche il tempo lo stabilisce la commissione in base alla lunghezza della prova -, per evitare di lasciare quesiti irrisolti o incompleti: altamente rischioso lasciare il foglio bianco. Anche perché, se si vuole raggiungere la sufficienza, bisogna riuscire ad ottenere come votazione almeno 10 quindicesimi che, in decimi, corrisponde a 6. Voto che si va a sommare a quelli degli altri due scritti ed al credito scolastico maturato nel corso del triennio.

Nel test quattro o cinque sono le materie sotto esame, discipline studiate durante l’anno, ma non comprese nelle prime due prove.


© RIPRODUZIONE RISERVATA