“Tuttidappertutto”: quando il turismo supera le disabilità
Il taglio del nastro del parco giochi (Foto by foto Gianatti)

“Tuttidappertutto”: quando il turismo supera le disabilità

All’agriturismo dei Basci di Torre un parco giochi accessibile anche ai bimbi con handicap. A breve un campo prova per la carrozzina da montagna.

Si chiama “Tuttidappertutto” ed è un progetto finalizzato a sostenere il turismo sociale in provincia di Sondrio. Un turismo che abbia, quindi, i connotati della sostenibilità e dell’accessibilità.

Di cosa si tratti, nella fattispecie, lo hanno chiarito ieri, nel contesto dell’agriturismo “Torre dei Basci”, di Torre di Santa Maria, alcuni fra i primi promotori di questa iniziativa atteso che, Walter Pasina, direttore dell’Ecomuseo della Valgerola, ente capofila di un progetto che coinvolge quattordici partner pubblici e privati, non ha potuto intervenire al momento inaugurale della prima delle tre azioni concretizzatasi.

«Si tratta di dar vita ad azioni di promozione dell’accoglienza in valle – ha chiarito Massimo Pinciroli, direttore del Centro servizi per il volontariato, Lavops, di Sondrio – che permettano, a tutti, di andare dappertutto. Lo so, è un po’ utopico, ma vale la pena puntare su questo segmento di mercato, perché anche di questo stiamo parlando. Sì, la modalità è solidale, se così si può dire, ma qui si fa turismo nel senso classico del termine, si ospitano, cioè, persone con disabilità motorie, anziani, non vedenti, ipovedenti, diversamente abili, e si dà loro la possibilità di fruire della montagna a scopi turistici, rigeneranti, ricreativi, al pari di chiunque altro. Questo l’obiettivo che ci siamo dati andando a lavorare su tre territori che, in provincia di Sondrio, sono un po’ fuori dai flussi turistici principali».

Lavops, infatti, regista dell’operazione, insieme all’Ecomuseo della Valgerola, Parrocchia di San Bartolomeo apostolo di Gerola, Gruppo Tsb (Tecnici senza barriere) di Sondrio, Fondazione Albosaggia, Comuni di Albosaggia e Gerola, Nisida società cooperativa sociale, associazione Holiday Experience, Forum del Terzo Settore di Valtellina e Valchiavenna, “C’è una valle” associazione di promozione sociale, Fad (Federazione associazioni disabili della provincia di Sondrio), unitamente a Parco delle Orobie Valtellinesi, Valtellina Turismo, Pro Valtellina e Fondazione Cariplo, ha individuato le realtà di Torre, Albosaggia e Gerola, sui cui lavorare.


© RIPRODUZIONE RISERVATA